Immagine
 L'imbarcadero sul lago ... (Angera)... di DL4U
 
"
Siamo solo noi... Generazione di sconvolti che non ha più Santi né Eroi... Siamo solo noi...

Vasco Rossi - "Siamo solo noi" 1981
"
 
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di DL4U (del 29/10/2008 @ 22:47:14, in Musica, testi, citazioni, canzoni, linkato 767 volte)
Per chi come me questa canzone l'ascoltava già ai tempi e per chi, per sole ragioni anagrafiche, l' ha scoperta qualche anno più tardi. Renga alla voce, Pedrini ai testi e alla chitarra ovvero la vera anima dei Timoria... purtroppo il dopo è stato solo pop...


Timoria

Sangue Impazzito
Viaggio senza vento - 1993

Uomini, domenica
gente che allegra va
risveglia la città
Dormono le fabbriche
in giro ancora io
vivo non lo so

E incontro anche te
che corri a pregare un po' Dio
la strada la so...
e penso che un tempo
quel tempio era mio
e mi chiedo perché
un giorno ho detto addio

Corro via, ma non so se
fuggire o rincorrere
qualcosa forse chi
sono qui e dentro me
sangue impazzito
che mi spinge fino a voi

Correte di più
sognando un futuro così
vi guardo da qui
e penso che un tempo
quel campo era mio
e mi chiedo perché
un giorno ho detto addio

un giorno ho detto...

_________________________________

 

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di DL4U (del 27/10/2008 @ 21:22:45, in Impegno sociale, linkato 700 volte)

Oggi nel mondo oltre 37 milioni di bambini non possono andare a scuola a causa della guerra.
Sono minori che affrontano un futuro senza speranze. Perché la guerra distrugge le scuole, uccide gli insegnanti, produce popolazioni di sfollati ed eserciti di bambini soldato.



L’istruzione può dare ai bambini protezione, stabilità e le premesse per creare una società più pacifica e prospera. L’educazione può aiutare i bambini a sopravvivere ai conflitti, li può salvare e dar loro un ruolo nella società.

Riscriviamo il Futuro è la campagna internazionale di Save the Children che ha lo scopo di garantire entro il 2010 educazione di qualità a 8 milioni di bambini che vivono in guerra o post-conflitto.

Fino ad oggi, grazie a Riscriviamo il Futuro, Save the Children è riuscita ad assicurare istruzione a quasi 6 milioni di bambini.

Ogni bambino ha diritto all’istruzione. Per un bambino di un paese in guerra, andare a scuola significa molto più che imparare a leggere e a scrivere. Significa la certezza di mangiare almeno una volta al giorno. Significa un posto sicuro dove passare parte della giornata, lontani dai pericoli e spesso dalla guerra. Significa imparare a proteggersi da infezioni e malattie. Significa avere la possibilità di un futuro di pace e più dignitoso.

Contribuire alla campagna "Riscriviamo il  Futuro" è semplice: basta un sms del valore di 2 euro al numero 48545.



Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di DL4U (del 21/10/2008 @ 23:11:09, in Appunti, linkato 1091 volte)
"Voici mon secret. Il est très simple: on ne voit bien qu'avec le cœur. L'essentiel est invisible pour les yeux"

"Questo è il mio segreto. È veramente semplice. Si vede bene solo con il cuore. L'essenziale è invisibile agli occhi"


(Antoine de Saint-Exupery - "Le Petit Prince" - chap. XXI)

In questo periodo mi piace ricordare questa piccola citazione... che ci volete fare, va così...
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di DL4U (del 20/10/2008 @ 23:41:37, in Musica, testi, citazioni, canzoni, linkato 1166 volte)
Voglio sottoporvi in questo post una piacevole scoperta musicale che ho trovato oggi nella navigazione tra i filmati su YouTube. Durante la riproduzione del video di un live di "Nothing Else Matters" tratto da un concerto dei Metallica del 1999, mi ha incuriosito il titolo di un contenuto correlato, ho cliccato sopra e ho ascoltato per la prima volta un'esecuzione della stessa canzone molto singolare: "Nothing Else Matters" eseguita tutta in assolo di pianoforte dal pianista-compositore californiano Scott D. Davis. Il brano è tratto dalla raccolta tributo ai Metallica intitolata "Pianotarium" del 2007, dove Davis reintepreta alla tastiera i classici del gruppo (oltre alla già citata "NeM" troviamo "Fade to Black", "Master of Puppets", "One" e altre ancora) donando sonorità sconosciute a pezzi tipicamente rock . Nella produzione di Scott D. Davis segnalo anche "Rockfluence" (datato 2005) dove vengono rivisitati altri grandi successi di altre band della scena rock americana (su tutte "Sweet child 'o mine" dei G'n'R). Cercate sul  tubo  e su i soliti canali del p2p, troverete tutto. E ora spazio a "Nothing Else Matters", vi consiglio di ascoltarla in silenzio, meglio se in cuffia.




Se il precedente video vi ha soddisfatto ascoltatevi anche questa...



Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di DL4U (del 19/10/2008 @ 20:20:48, in Letture, linkato 20520 volte)

Nella sera di domenica, mentre smaltisco le fatiche del pranzo e della castagnata in compagnia in quel di Dormelletto, provo a scrivere qualche riga sensata sulle letture di questi giorni. Venerdì ho terminato "La solitudine dei numeri primi" di Paolo Giordano; il giudizio finale sul libro è sostanzialmente positivo e devo dire che la storia mi ha preso molto tanto da consumarla nell'arco di un paio di giorni di lettura. Non lasciatevi ingannare dal titolo dell'opera: la matematica è solo un pretesto, una metafora, per descrivere la situazione e la storia (dall'infazia all'età adulta) dei due protagonisti, Alice e Mattia, due ragazzi la cui esistenza rimarrà per sempre segnata da due eventi drammatici distinti tra loro che, avvenuti in gioventù, li renderanno unici e diversi da tutto il resto della gente. Esattamente come lo sono i numeri primi in mezzo a tutti altri numeri, Alice e Mattia sono persone un po' speciali, difficili da capire, soli a combattere con sè stessi in mezzo al mondo che scorre senza badare troppo a loro. Il destino ha voluto però che le lore esistenze difficili si incontrassero in più riprese negli anni, a volte sfiorandosi dolcemente, a volte scontrandosi sino al dolore, sino a divenire l'uno parte dell'altro arrivando a definire tra loro un rapporto speciale molto simile a quello che si instaura alla nascita tra due gemelli. Una strana sensibilità l'uno verso l'altro che li porta a cercarsi, ad incrociare le loro storie di vita, senza però mai giungere a sovrapporle. In tutta sincerità devo dire che la lettura del libro mi ha preso molto trascinandomi in fretta verso il finale "in sospeso" del romanzo, a volte toccandomi molto nel profondo e sentendomi un po' partecipe delle vicende dei protagonisti. Non è affatto un libro allegro; anzi alla base di tutto c'è una persistente agoscia che avvolge i personaggi che un po' influenza il lettore che in essi si riconosce. Il tono e la profondità dei temi della storia crescono col passare delle pagine e delle età di Alice e Mattia, sino ad esplodere in un finale inatteso. Una storia delicata e terribile di due adolescenti, due ragazzi imperfetti e speciali, distanti anni luce dai prototipi umani belli e patinati di tante storie raccontate in  troppi romanzi contemporanei (dimenticatevi Moccia, i suoi fighetti e i suoi romanzi da botteghino). Per le loro cicatrici nel fisico e nell'anima, per i loro fallimenti mai confessati, per l'insoddisfazione e l'incapacità di vivere, Mattia e Alice risultano credibili e terribilmente veri. Non voglio sbilanciarmi troppo sul puro giudizio letterario: essendo un'opera prima la mano è sicuramente perfettibile. Molti critici hanno avuto da appuntare all' autore per il suo stile a volte acerbo e hanno confrontato "La Solitudine" con altri classici romanzi di formazione (vedi "Il giovane Holden"): direi che il paragone è ingiusto; preferisco considerare questo libro un prodotto sincero e sentito della generazione degli attuali trentenni (sono di quest'età l'autore, i suoi personaggi e lo sono io ... forse per questo la storia mi ha coinvolto molto). Una nuova leva di scrittori capaci di osservare, con un occhio diverso e profondo, gli angoli oscuri della nostra società e i suoi figli "un po' speciali", quelle persone imperfette e dall'animo ferito, che troppo spesso si sentono a disagio perchè diversi, forse unici nel mondo che li circonda. Come i numeri primi.

"... Nella serie infinita dei numeri naturali, esistono alcuni numeri speciali, i numeri primi, divisibili solo per se stessi e per uno. Se ne stanno come tutti gli altri schiacciati tra due numeri, ma hanno qualcosa di strano, si distinguono dagli altri e conservano un alone di seducente mistero che ha catturato l’interesse di generazioni di matematici. Fra questi, esistono poi dei numeri ancora più particolari e affascinanti, gli studiosi li hanno definiti “primi gemelli”: sono due numeri primi separati da un unico numero. L’11 e il 13, il 17 e il 19, il 41 e il 43… A mano a mano che si va avanti questi numeri compaiono sempre con minore frequenza, ma, gli studiosi assicurano, anche quando ci si sta per arrendere, quando non si ha più voglia di contare, ecco che ci si imbatterà in altri due gemelli, stretti l’uno all’altro nella loro solitudine ..."

 E il mio 31 è un numero primo...

Nella tabella: la progressione dei numeri primi nell'intervallo da 0 a 100

 

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di DL4U (del 16/10/2008 @ 21:12:36, in Pensieri, riflessioni e sfoghi..., linkato 697 volte)

Forza Gigi, il momento forse più difficile è passato, vedrai che da oggi le cose miglioranno giorno per giorno. Un grandissimo in bocca al lupo a tuo papà, e per qualunque necessità piccola o grande ricorda che ci siamo!  A presto e un abbraccio...     : - )

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di DL4U (del 16/10/2008 @ 08:30:32, in Letture, linkato 632 volte)

Lettura iniziata in questi giorni, è uno dei bestsellers degli ultimi tempi... è il primo libro del fisico e scrittore Paolo Giordano. Un romanzo di formazione, narra le vite parallele di Alice e Mattia, due ragazzi con un passato doloroso alle spalle.  Dai primi capitoli mi pare una lettura interessante...

Paolo Giordano
"La solitudine dei numeri primi"
Mondadori Editore, gennaio 2008
Premio Strega e Premio Campiello 2008

 

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di DL4U (del 12/10/2008 @ 19:46:56, in Appunti, linkato 628 volte)


I lavori di ristrutturazione procedono... lentamente ma procedono. Altro weekend di lavoro, tra muri da rompere e cavi da stendere e collegare. Se non ci son ulteriori problemi probabilemente entro la prossima settimana arriveremo in fondo al rifacimento dell'impianto elettrico, per poi dopo passare alle sistemazione delle pareti e all'imbiancatura, ecc. ecc.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di DL4U (del 06/10/2008 @ 18:11:14, in Pensieri, riflessioni e sfoghi..., linkato 646 volte)



Credo che ognuno di noi abbia degli obiettivi e che la voglia di migliorarsi e un minimo di consapevolezza in propri mezzi possa aiutare a raggiungerli. Credo non esista peggior delitto del buttare via sé stessi, le proprie potenzialità e quelle caratteristiche che ci rendono unici:  è nostro dovere  coltivarle e non lasciarle morire negli angoli bui della nostra esistenza.  Non credo esista la sfortuna punto e basta: ciò che ci accade è quasi sempre conseguenza di quanto abbiamo fatto in precedenza e se qualcosa va storto probabilmente abbiamo commesso un errore da qualche parte. Poco male. L’importante è fermarsi un attimo, il tempo necessario a comprendere dove abbiamo sbagliato e per farne esperienza per il futuro. E se poi quello che chiamiamo destino ci riserva qualche sfida è doveroso provare a reagire:  nella vita non si può essere sempre in debito, prima o poi ci sarà qualcuno o qualcosa che ci aiuterà a pareggiare i conti. Credo che per essere almeno un po’ felici ci voglia poco:  volere bene a sé stessi e ai tuoi cari, l’affetto di chi ti sta intorno, qualche amico fidato, l’amore vero e disinteressato se hai la fortuna di trovarlo, circondarsi il più possibile di persone  positive ed allegre con le quali condividere momenti divertenti, dare il largo alle tensioni e alle influenze negative, un po’ di musica, un po’ di moto e qualche soddisfazione ogni tanto.  Credo nel potere terapeutico di una sana risata, nella forza di un sorriso e nella scarica di energia che ti dà un assolo di chitarra rock. Sto imparando a non farmi più sopraffare dal lavoro e dalle tensioni, il fisico e lo spirito alla lunga ne risentono. Credo che la frenesia, lo stress, le paure, le invidie e i sospetti ci impediscano di apprezzare le piccole cose belle della vita e ci rendano automi insensibili alle emozioni, pessimisti ed incapaci di relazionarci con gli altri. Non voglio essere più così. Voglio continuamente migliorarmi, ma con i miei tempi, non voglio frenare la curiosità nell’apprendimento  e la voglia di conoscere e provare nuove esperienze: non c’è peggiore cosa del fermarsi sulle proprie posizioni, del perdere gli stimoli, dell’annullare ogni forma di confronto con gli altri. Credo nel coraggio di sapersi rinnovare e nella spontaneità dei sentimenti. Credo che per migliorare sé stessi prima di tutto bisogna provare ad essere sé stessi. Credo non ci sia più soddisfazione del sentirsi apprezzati per ciò che si è e per ciò che si è fatto, più grande emozione del sentirsi dire “ti voglio bene” da chi non te lo aspetti, più  immenso calore di un abbraccio ricevuto.  Credo che nella vita e nelle proprie attività non “ci possa tirare indietro” e siano necessarie responsabilità, etica, collaborazione, un po’ competenza e molta umiltà: credo che questa riflessione troppo spesso è disattesa nel mondo che ci circonda. Credo a chi mi parla guardandomi negli occhi. Credo nello sguardo ingenuo e sincero dei bambini. Credo che nella vita ci voglia cuore, un po’ di coraggio, tanta comprensione ed estrema sensibilità verso il prossimo, ma credo anche che gli altri non ne debbano troppo approfittare giocando con la nostra buona fede.  Ogni tanto chi aiutiamo dovrebbe fare lo sforzo di capire i nostri problemi e le nostre necessità e venirci incontro: è questione di rispetto.  Credo che nei momenti importanti e difficili della vita si veda davvero quanto valgano le persone e quanto sia profonda la loro sensibilità. Credo alle persone che in queste situazioni dimostrano umanità e non hanno paura di mettere a nudo i loro sentimenti. Credo non si possa essere del tutto liberi dai condizionamenti dell’ambiente in cui si vive o lavora, ma almeno bisogna tentare di superarli. Credo che qualche sana follia ogni tanto faccia bene allo spirito e all’umore. Credo che il mio modello ideale di vita sia abbastanza semplice e tradizionale, una famiglia normale, un lavoro che mi interessi e mi dia sicurezza, una casa, forse dei figli: credo che tentare di realizzarlo e sostenerlo sarà la sfida più grande dell’intera esistenza. E qui non si può correre il rischio di sbagliare. Credo alle mie origini, che per quanto semplici, hanno contribuito a farmi arrivare fino a qui con qualche idea in testa e con un po’ principi a farmi da guida. Credo di aver molti limiti e difetti da colmare, o e qualche rimpianto di troppo nell’armadio ma anche di avere qualche buona potenzialità e qualche idea nel cassetto che mi permetterà di andare avanti provando a realizzare i miei obiettivi. Credo che alla fine non sia tutto qui, ma che da qualche parte prima o poi sia si debba iniziare. Quello è il momento giusto per  fare i conti con noi. Non c’è via di scampo.  Solo allora potremo dirci consapevoli di noi stessi e credere, forse, in un futuro migliore.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di DL4U (del 06/10/2008 @ 09:31:46, in Letture, linkato 717 volte)

"I milanesi ammazzano il sabato" di Giorgio Scerbanenco, libro finito ieri. Un romanzo noir e poliziesco di veloce lettura, ben scritto e con una trama avvincente. E' la storia di un' indagine alla ricerca degli autori di un orrendo delitto compiuto ai danni di una ragazza, portatrice di un grave handicap mentale, lungo la strada che da Milano conduce a Lodi. E' la vicenda del dramma umano del padre della ragazza che non si arrende all'idea della morte atroce della figlia e delle ricerche di un ispettore di polizia della questura. Siamo verso la fine degli anni '60 (il romanzo è del 1969) e i fatti del libro si ambientano in una Milano ancora molto "meneghina", appena uscita dai ruggenti fasti di quel decenno e ormai pronta a tuffarsi nel controverso periodo delle bande criminali e del malaffare, delle pistole calibro nove, delle sparatorie per le strade e delle rapine alle banche col "salto del bancone". Da lì a poco Milano e l'Italia verrano travolte dai fatti dei cosidetti "anni di piombo".  I milanesi di quest'epoca vivono ancora secondo ritmi tradizionali della grande città Lombarda, una routine metodica e rigorosa fatta di lavoro dalle nove alle cinque, dal lunedì al venerdì,  di casa e famiglia. Nulla viene concesso allo svago... e se bisogna fare qualcosa di diverso, compreso ammazzare una persona, questo lo si fa al sabato o alla domenica: negli altri giorni c'è da lavorare.  Da questo romanzo sono stati tratti gli spunti per diversi film sulla "mala milanese" ed è stato più volte oggetto di citazioni da parte  di narratori  contemponei (su tutti Carlo Lucarelli) per  ricostruire quel periodo  della nostra storia e di quella città. Vi consiglio la lettura di questo libro se volete far riaffiorare immagini e sapori di una Milano che ormai non c'è più.



Nella foto: il cortile della questura di Milano, in via Fatebenefratelli, uno dei luoghi principali del romanzo.
Un cortile che diverrà protagonista della cronaca degli anni settanta con la vicenda della morte di Pinelli e del commissario Calabresi

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2
Ci sono 59 persone collegate

< novembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Amenità e altre "patacate" miste (14)
Appunti (22)
Archeologia Informatica (3)
Cinema (11)
Fumetti e cartoni alternativi (3)
Impegno sociale (16)
Informatica,tecnologia,hacking (33)
Letture (9)
Musica, testi, citazioni, canzoni (58)
My Seventies (3)
Passions (19)
Pensieri, riflessioni e sfoghi... (27)
Viaggi e giornate da ricordare (12)

Catalogati per mese:
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
...
15/12/2010 @ 08:51:13
Di air jordans

Titolo
Scorci (7)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Nessun sondaggio disponibile.

Titolo
Questo blog supporta



______________________________
Letture...

J.D. Salinger
Il giovane Holden
(The catcher in the rye)
EinaudiEditore



______________________________

Daniele Biachessi
La Fabbrica dei Profumi
Baldini e Castoldi Editore

La Fabbrica dei Profumi - D. Biachessi







__________________________

Musica...

Vasco Rossi - Dillo alla luna (1990)

Ben E. King - Stand by me (1961)

Queen - Bohemian Rhapsody (1975)

U2 - Pride (In the name of love) (1984)




__________________________

Profilo Facebook di Alberto Visconti

My status


Titolo
SITI AMICI



18/11/2019 @ 17:53:58
script eseguito in 107 ms