Immagine
 Leeeentamente....... di DL4U
 
"
“Nella vita di ognuno i momenti importanti sono quattro o cinque; tutto il resto fa soltanto volume”

Ennio Flaiano
"
 
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di DL4U (del 31/01/2008 @ 23:05:42, in Informatica,tecnologia,hacking, linkato 1845 volte)
Dopo anni di sofferenze, lentezze e modem 56k oggi è arrivata la larga banda anche a casa mia; ma differenza della maggior parte di voi a me è arrivata direttamente dal cielo (e non è una metafora!), grazie alla tecnologia hyperlan e al servizio Eolo di NGI . Ragazzi, oggi è un giorno storico: il primo post sul blog ad alta velocità direttamente da casa mia senza più fili, telefonate o schede umts! Tutto flat, e a banda piena a 3 Mbps! : - D : - D
Sono le prime ore di utilizzo, ma non c'è che dire la prima impressione è ottima... come corre!! Ecco i primissimi dati sul campo:

Connessione EOLO 3M/512k, banda minima garantita 256 kb/s / 95%, antenna ad alto guadagno, router broadband Linksys WRT54G. Test effettuati da portatile collegato wireless al router (scheda G, 54 Mbps) apparecchi su piani diversi della casa.

Status antenna e BTS (antenna remota cui sono collegato)



Test "spot" della velocità (download) dal sito intel



Test ripetuti (down e up) su sito http://www.speedtest.net/

primo (mentre era in corso download della iso di Ubuntu 7.10 dal sito ufficiale - vedere splash successivi)



ecco il download di Ubuntu in corso (386 kB/sec di picco, mai sotto 200 kB/sec)



Successivo test della connessione a banda scarica (qui mi sa che la bts era particolarmente scarica : - D )



Ed ecco infine una foto della "mia porta verso il mondo internet "
(BTS NGI di Monte San Salvatore - Lago Maggiore - NO - foto da forum NGI )



Direi che ad occhi ci siamo: banda piena, scarsa latenza!! A breve un test e un reportage più approfondito!

... oggi il futuro è entrato prepotente a casa mia ....  : - D
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di DL4U (del 30/01/2008 @ 22:07:32, in Pensieri, riflessioni e sfoghi..., linkato 709 volte)


"Lorenzo Safari"
L. Cherubini
(Universal)

A tre anni di distanza da “Buon Sangue”, suo ultimo album, e esattamente 20 anni dopo il suo debutto rap Lorenzo Cherubini , è uscito con il suo ultimo lavoro intitolato “Safari”.Tutto il disco gira intorno al concetto espresso dal significato di questa parola: dall’ etimologia swahili “safari” è un lungo viaggio, un cammino seguendo un sentiero: proprio come il lungo ed introspettivo percorso di vita che Lorenzo intreccia nello scorrere delle sue canzoni, un diario fatto di riflessioni ed esplosioni di vitalità, di contaminazioni di generi e vera e propria canzone d’autore, potente ed estremamente tenero allo stesso tempo. La vita ci obbliga, prima o poi , a far i conti con noi stessi e Lorenzo lo fa attraverso la sua musica: esprimendo il fuoco delle passioni, la forza della vitalità e della partecipazione, le emozioni dei sentimenti e il greve peso dei dolori personali. Ad accompagnarlo in questo percorso di suoni e colori, di dolcezza e impegno , ci sono alcuni compagni di altrettanta classe e sensibilità: Ben Harper, alla chitarra nel singolo d’esordio “Fango”, Sly & Dunbar, leggendaria ritmica giamaicana, Sergio Mendes al Fender Rhodes, il fisarmonicista Frank Marocco (partecipò alla colonna sonora de “Il Padrino” e Lorenzo lo ha riportato allo strumento a 84 anni) e Giuliano Sangiorgi dei Negramaro. Realizzato tra Los Angeles, Hannover, Milano, Cortona e Bologna, “Safari” è già avviato a diventare il capolavoro di Lorenzo e forse una tappa importante della musica italiana, da conservare e riascoltare gelosamente anche a distanza di tempo. Lorenzo in questo disco canta per sé e per il suo pubblico, aprendo il proprio diario di riflessioni e condividendo con noi veri brani di poesia: ascoltate il singolo “Fango” (programmato in questi giorni dalle principali radio e vero traino emozionale del disco) e sarete condotti con mano gentile e sicura nella profonda spiritualità e nelle emozioni di Lorenzo. In questo brano la chitarra di Ben Harper dà il tempo alla musica e poesia, in ultima analisi alla stessa vita ai luoghi e ai pensieri di Lorenzo:

“…un mondo vecchio che sta insieme solo grazie a quelli che
hanno ancora il coraggio di innamorarsi
e una musica che pompa sangue nelle vene
e che fa venire voglia di svegliarsi e di alzarsi
smettere di lamentarsi
che l'unico pericolo che senti veramente
è quello di non riuscire più a sentire niente
di non riuscire più a sentire niente
il battito di un cuore dentro al petto
la passione che fa crescere un progetto
l'appetito la sete l'evoluzione in atto
l'energia che si scatena in un contatto..”

Quanta verità in queste poche parole, in cui un po’ noi tutti ci ritroviamo (o ci dovremmo ritrovare). Il ritmo varia in “Mezzogiorno” una sorta di inno scanzonato da cantare accompagnando Lorenzo nei suoi prossimi live; in “A te” e “Dove ho visto” c’è la canzone d’autore che è stata in passato di Sergio Endrigo e Luigi Tenco. La musica si fa linguaggio universale e unico per forza ed immediatezza. Pensieri e sentimenti stesi sul tappeto ritmico sudamericano di Sergio Mendes emergono in “Punto” mentre forza ed energia esplodono incalzanti in “Safari” (dove troviamo la collaborazione di Giuliano Sangiorgi dei Negramaro). La parte finale del disco si caratterizza per il ritorno al rap: “Mani libere 2008” dove si riscontra la presenza di Michael Franti degli Spearhead . Questo è un album che sarebbe più giusto definire “diario” su cui Lorenzo ha fissato le più nascoste pieghe della propria vita e del proprio pensiero, nell’interminabile e vitale ricerca di sé stessi, della società e del prossimo; il tutto tenendo sempre ben fermo il proprio intimo, i propri valori e le proprie radici. Originale, emozionante, mai scontato: questo disco è ispirazione e riflessione, speranza e fiducia , paura e certezza, amore e dolore cos’altro possiamo chiedere in più? Ragazzi, leggete cliccando qui i testi di "A te" e "Fango", e ditemi se non è poesia nella forma più pura.

“…sotto un cielo di stelle e di satelliti
tra i colpevoli le vittime e i superstiti
un cane abbaia alla luna
un uomo guarda la sua mano
sembra quella di suo padre
quando da bambino
lo prendeva come niente e lo sollevava su
era bello il panorama visto dall'alto
si gettava sulle cose prima del pensiero
la sua mano era piccina ma afferrava il mondo intero
ora la città è un film straniero senza sottotitoli
le scale da salire sono scivoli, scivoli, scivoli
il ghiaccio sulle cose
la tele dice che le strade son pericolose
ma l'unico pericolo che sento veramente
è quello di non riuscire più a sentire niente..”

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di DL4U (del 29/01/2008 @ 22:40:33, in Musica, testi, citazioni, canzoni, linkato 1084 volte)
Angel
Aerosmith, 1988
___________________________________________________________



Oggi, mentre cercavo di far passare il tempo durante un'interminabile coda in autostrada, rovistando tra i cd in macchina è venuta fuori la raccolta dei greatest hits degli Aerosmith. Ed "Angel" è stato il secondo mp3 suonato dopo aver inserito il disco nel lettore... una classica e sicura ballata rock che fonde armonicamente le chitarre elettriche di Joe Perry e Brad Whitford, il basso di Tom Hamilton, la batteria di Joey Kramer e l'inconfondibile voce di Steven Tyler. Scritta dalla stesso Tyler con Desmon Child, "Angel", venne pubblicata come singolo nel 1988 e quindi inserita nell'album Permanent Vacation dello stesso anno. Un po' meno nota delle altre classiche ballate del gruppo americano (quali, per esempio, "What it Takes", "Dream On" o "I Don't Want to Miss a Thing" ) è comunque un buon pezzo, coinvolgente, e dalle tipiche caratteristiche del "ballatone" romantico anni 80-90: chitarra a profusione, voce del cantante struggente, e testo melodrammatico (e moderatamente parac*lo come spesso in questa tipologia di canzoni) con il solito sfigato di turno straziato d'amore. Nulla di innovativo per carità (come del resto anche il titolo del post che, da perfetto riciclatore, ho mutuato direttamente dal precendente su Benni) ma sicuramente un pezzo sincero sempre convolgente da ascoltare sullo stereo a volume moderatamente alto. Signore e signori, questi sono gli Aerosmith e questa è Angel....


I'm alone
Yeah, I don't know if I can face the night
I'm in tears and the cryin' that I do is for you
I want your love - Let's break the walls between us
Don't make it tough - I'll put away my pride
Enough's enough I've suffered and I've seen the light

Baby
You're my angel
Come and save me tonight
You're my angel
Come and make it all right


Don't know what I'm gonna do
About this feeling inside
Yes it's true - Loneliness took me for a ride
Without your love - I'm nothing but a begger
Without your love - a dog without a bone
What can I do I'm sleeping in this bed alone


Come and save me tonight

You're the reason I live
You're the reason I die
You're the reason I give
When I break down and cry
Don't need no reason why

Baby, baby
You're my angel
Come and save me tonight
you're my angel
Come and take me allright
Come and save me tonight, Come and save me tonight, Come and save me tonight,
Come and save me tonight, Come and save me tonight
Sono solo
Yeah, non sono sicuro di poter fronteggiare la notte
Sono in lacrime e il mio pianto è per te
Voglio il tuo amore –abbattiamo i muri
che ci sono fra noi.
Non renderlo difficile- io metterò
da parte il mio orgoglio
Quando è troppo è troppo, ho sofferto
e ora ho visto la luce

Piccola
Tu sei il mio angelo
Vieni a salvarmi stanotte
Sei il mio angelo
Vieni a sistemare tutto

Non so cosa sto per fare
Per questa sensazione dentro di me
Sì è vero, la solitudine mi ha preso per una corsa
Senza il tuo amore non sono niente,
se non un poveraccio
Senza il tuo amore sono
come un cane senza osso
Cosa posso fare, sto dormendo in
questo letto da solo

Vieni a salvarmi stanotte

Tu sei la ragione per cui vivo
Sei la ragione per cui muoio
Sei la ragione per cui capisco,
quando crollo e piango,
che non ho bisogno di ragioni

piccola, piccola
tu sei il mio angelo
vieni a salvarmi stanotte
sei il mio angelo
vieni a farmi stare bene
vieni a salvarmi stanotte, vieni a salvarmi stanotte, vieni a salvarmi stanotte
vieni a salvarmi stanotte, vieni a salvarmi stanotte

___________________________________________________


Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di DL4U (del 25/01/2008 @ 17:52:21, in Musica, testi, citazioni, canzoni, linkato 686 volte)
"Se incontri un angelo, non avrai pace ma febbre"



La citazione che riporto sopra è tratta dal romanzo di Stefano Benni "Margherita Dolcevita" (pubblicato nella collana Universale Economica Feltrinelli, 2005) che ho terminato di leggere in questi giorni ed è il passo che più mi è rimasto impresso per la forza della sua semplicità. Come sempre devo dire che la lettura di Benni non ha deluso le mie aspettattive: ho conosciuto un nuovo personaggio, Margherita una “bambina in scadenza”, come ama definirsi lei stessa: quasi quindici anni, occhi blu, capelli biondi ricci “che sembrano una piantagione di fusilli”, qualche chilo di troppo e un problema al cuore, “una valvola spanata che fa ta-tunf invece di tunf-ta”. Vivace e simpatica la sua vita scorre tranquilla in una casetta alla periferia di una città, nell'unica zona ancora verde sopravissuta al cemento e all'asfalto; la famiglia di Margherita è composta dal padre pensionato, Fausto, che eclettico riparatore di vecchi oggetti, della madre Emma, casalinga appassionata di telenovele, da un fratello maggiore Giacinto, diciottenne, infestato dai brufoli, che “nella vita ha due grandi interessi: il calcio e il pallone” e un fratello minore, Erminio detto Eraclito, “genietto rompiballe nonchè il dito da videogioco più veloce del West”. A completare il quadretto famigliare un nonno un po' svitato ma saggio, di nome Socrate e Pisolo un cane, o meglio un “cancatalogo”, perché “più che un incrocio è un catalogo di tutte le razze canine e animali e forse vegetali apparse sulla Terra”.
La quiete di questa famiglia normale ma bizzarra viene sconvolta dall’arrivo dei nuovi vicini di casa fichissimi, supertecnologici e alla moda, ma vittime del consumismo del più feroce arrivismo. E' la famiglia dei Del Bene: padre affarista e maneggione, dotato di sorriso finto e una chioma sintetica trapiantata di fresco (... chissà da chi avrà preso spunto il buon Benni per questo personaggio ?!? : - ) ... ), madre schiava della moda e cazzeggiatrice di professione, una figlia adolescente tanto bella quanto vuota e un figlio, Angelo, misterioso e relegato in un angolo dalla famiglia come malato di problemi psicologici.

Dalla loro casa a forma di cubo, impenetrabile e misteriosa, i Del Bene esercitano ogni forma possibile di ingerenza nei confronti dei vicini che a poco a poco finiscono per cadere nella rete di lusinghe di uno stile di vita fondato sul culto del benessere materiale, dell'estetica fine a se stessa, e sul rifiuto di tutti coloro che sono ai margini della società: poveri, anziani e extracomunitari. L'unica nella famiglia che non molla è la piccola grande Margherita: con coraggio, spirito critico, e aggrappata alla forza dei sentimenti autentici, della natura e della fantasia, Margherita non si arrende, intuisce il piano subdolo dei Del Bene e reagisce alla grave minaccia con l’aiuto del piccolo Eraclito, di Angelo e della “Bambina di polvere”, la sua amica invisibile, fantasma di un piccola vittima innocente della brutalità della guerra.

Con il suo solito stile unico e sublime Benni imbastisce un' amara metafora della società moderna e delle sue degenerazioni peggiori. Nel romanzo Margherita Dolcevita è un’impietosa denuncia della perdita dei valori autentici, della volgarità del potere e dell’arroganza della ricchezza: ovvero i mali che al giorno d'oggi minacciano la bellezza e la purezza della vita e dei sentimenti. Leggetelo, non ho altro da dire. Nel frattempo sono alla ricerca dell'ultima fatica di Benni: "La grammatica di Dio" , uscito nel 2007, son sicuro che anche questo sarà da consumare in un fiato.

"Il mondo si divide in:
quelli che mangiano la cioccolata senza pane
quelli che non riescono a mangiare la cioccolata se non mangiano anche il pane
quelli che non hanno la cioccolata
quelli che non hanno il pane"

(citazione tratta dall'incipit del romanzo)


Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di DL4U (del 22/01/2008 @ 21:43:42, in Amenità e altre "patacate" miste, linkato 1211 volte)


sopra: un preoccupato Valentino Rossi si concentra prima della grande
sfida col suo nuovo e pericoloso rivale motociclistico...


Negli ultimi tempi lo abbiamo visto confrontarsi negli spot di Fastweb con le strampalate genialate del suo supertifoso Yuri (su tutti il già mitico "lard disk" - parola di Yuri: "tu metti una fettina di lardo nel pc e internet scivola via più veloce!") ma la vera prova del nove per il Vale nazionale deve ancora venire e sarà una sfida tutta motociclistica, a base di velocità, derapate e pieghe disegnate al compasso...

Chi avrà così tanto coraggio e abilità per sfidare Valentino proprio nella specialità dove è riconosciuto da tutti come fenomeno indiscusso e leggendario?? Forse Casey Stoner, il campione del mondo MotoGP in carica? Il nemico di sempre Max ("mezzo manico" : - D ) Biaggi? O forse qualche giapponese sconosciuto venuto dal sol levante ad oscurare il mito del Dottor Rossi?

Nessuno di questi... il vero pericolo per Valentino è italianissimo e vive a pochi chilometri dalla sua nativa Tavullia, è romagnolo, ed è già passato alla storia del motociclismo come "l'inventore della piega".
I due si son già incrociati sulla pista del Mugello, in occasione della vittoria di Rossi del GP d'Italia nel 2006, ma in quell'occasione Vale ha evitato accuratamente il rischio della sfida testa a testa.

Chi è questo sconosciuto fenomeno? Ma l'unico, inimitabile, Pagliarani Olimpo alias "il Lepro di Viserbella"...



E via,via,via,via! Trema Vale : - D  : - D !!!! P.S. Fastweb: a quando uno spot dove i due centauri si confrontano ????
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di DL4U (del 21/01/2008 @ 22:05:47, in Musica, testi, citazioni, canzoni, linkato 688 volte)
You Shook Me All Night Long
AC/DC

album "Back in Black" , 1980, Atlantic Record
___________________________________________________________

Questa canzone è al decimo posto nella classifica "100 Greatest songs of the 80's" del 2006 ed è , assieme a "Back in Black" e "Highway to Hell", tra le più famose canzoni degli AC/DC. Saranno pochi quelli che tra di voi non la riconosceranno già dalle prime note. Un bel classico del rock carico di energia, ogni commento sarebbe superfluo! Solo una curiosità: il titolo della canzone è tratto da un testo di una canzone del 1962 di Willie Dixon intitolata "You Shook Me" che fu oggetto di cover anche da parte dei Led Zeppelin nel 1969 con una versione contenuta nel loro album d'esordio.
___________________________________________________________




sopra: la cover originale del singolo del 1980
________________________________________________________________________

She was a fast machine she kept her motor clean
She was the best damn woman that I ever seen
She had the sightless eyes telling me no lies
Knocking me out with those American thighs
Taking more than her share
Had me fighting for air
She told me to come but I was already there
'Cause the walls start shaking
The earth was quaking
My mind was aching
And we were making it

And you shook me all night long
Yeah you shook me all night long

Working double time on the seduction line
She's one of a kind she's just mine all mine
Wanted no applause it's just another course
Made a meal outta me
And come back for more
Had to cool me down to take another round
Now I'm back in the ring to take another swing
'Cause the walls were shaking
the earth was quaking
My mind was aching
And we were making it

And you shook me all night long
Yeah you shook me all night long
It knocked me out I said you
Shook me all night long
You had me shaking and you
Shook me all night long
Yeah you shook me
When you took me

You really took me and you
Shook me all night long
Ah, you shook me all night long
Yeah yeah you shook me all night long
You really got me and you
Shook me all night long
Yeah you shook me
Yeah you shook me
All night long



Tu mi facevi fremere tutta la notte

Lei era una macchina veloce
Manteneva il suo motore pulito
Era dannatamente la miglior donna
che avessi mai visto
Aveva occhi senza sguardo
Non raccontava menzogne
Mettendomi fuori gioco con quelle cosce americane
Prendendo più di quanto potevo
Ho avuto il mio combattimento per l'aria
Mi diceva di venire ma io ero già li
Perché i muri iniziavano ad agitarsi
La terra tremava
La mia mente era dolorante
Lo stavamo facendo e tu

Mi facevi fremere tutta la notte
Yeah, mi facevi fremere tutta la notte

Lavorando il doppio
Sulla linea della seduzione
Lei era di un certo tipo, semplicemente mia,
solo mia
Non cercava applausi
Solo un'altro giro
Mi mangiava in un boccone e tornava indietro per averne ancora
Mi son dovuto raffreddare
Per permettermi un'altro giro
Ora sono tornato sul ring per concedermi
un'altro ballo
Perché i muri iniziavano ad agitarsi
La terra tramava
La mia mente era dolorante
Lo stavamo facendo e tu
E mi mettevi fuori combattimento e poi

Mi facevi fremere tutta la notte
Mi hai fatto fremere e
Mi facevi fremere tutta la notte
Yeah, mi facevi fremere

Bhe, mi hai preso
Hai preso davvero me e te
Mi facevi fremere tutta la notte
Ooooh tu mi facevi fremere tutta la notte
Yeah, yeah, tu
Mi facevi fremere tutta la notte
Hai preso davvere me e te
Yeah, mi facevi fremere, yeah,
mi facevi fremere
Tutta la notte

sopra: la cover originale dell' album Back in Black del 1980
________________________________________________________

Many thanks to Marta, who helps me to remind me this song : - )


Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di DL4U (del 17/01/2008 @ 17:03:30, in Archeologia Informatica, linkato 755 volte)



Tutti noi lo conosciamo, la maggior parte di noi lo utilizza quotidianamente come motore di ricerca per le proprie scorribande nella grande rete. Amato, contestato per alcuni suoi aspetti controversi, l'importanza di Google è tale da aver cambiato radicalmente gli usi e costumi dei navigatori del web.
Ma c'è qualcuno di voi che ricorda come era il suo aspetto alle origini (maggio 1998 e il suo nome era ancora BackRub)? Io onestamente non lo ricordavo... eccolo: http://backrub.c63.be/May1998/index.htm e in quest'altro link possiamo apprezzare nel loro fulgido splendore i server che tenevano in piedi il motore ai tempi http://backrub.c63.be/May1998/hardware.htm ..
Sullo stesso sito trovate un po' tutta la cronologia delle mutazioni di Google in quegli anni pionieristici:
  1. Il prototipo della versione attuale (1998) http://backrub.c63.be/Nov1998/stanford.htm
  2. Una pagina molto dettagliata dell'anatomia del motore di ricerca e del suo algoritmo di base (PAGERANK) http://backrub.c63.be/May1998/anatomy.htm (per i miei compari degli anni d'oro del Poli:
    vi ricorda qualcosa ???  E' l'originale della Stanford University da cui Schreber spudoratamente copiava le dispense che ci passava! )

Ed ora la vera chicca: le immagini del primissimo sistema di storage del motore di ricerca (10 dischi da 4 Gigabyte l'uno per il totale stratosferico di 40 GB !! ) quando Google era ancora un progetto prototipale dei due studenti di Stanford, Larry Page e Sergey Brin, (1996) : 

 http://infolab.stanford.edu/pub/voy/museum/pictures/display/0-4-Google.htm

Ovviamente quelli che vedete nella foto sono reali mattoncini Lego! Che dire, ne è ha fatta di strada la grande G!

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di DL4U (del 16/01/2008 @ 22:12:13, in Archeologia Informatica, linkato 795 volte)
Inaguriamo con questo post una nuova sezione del blog dedicata a tutto ciò che fa "retrocomputing" ovvero come rispolverare da cantine e soffitte polverose veri pietre miliari della storia informatica, piccoli e grandi gioielli di tecnologia che tanto hanno contribuito a far diventare i nostri computer come oggi li conosciamo e su cui noi "pischelli" dei tempi abbiamo trascorso interi pomeriggi se non intere giornate. L'idea di aprire una nuova area dedicata all'archeologia informatica e tecnologica in genere è nata durante le feste natalizie dopo uno scambio "culturale" ( vero Fede?!? : - ) : - ) ) in cui una vecchia console SuperNintendo è stata barattata con il glorioso Commodore 64 color marroncino biscotto.
Sarà l'età, sarà un po' di mio rimbambimento diffuso, sarà la moda dilagante del vintage, sarà la mia vocazione innata a raccattare, ma come detto in quell'occasione il vedere nelle mie mani un C64 (oggetto del desiderio della mia gioventù ai tempi surrogato solo con macchine di altri marche e con i primi pc ibm a fosfori verdi ...) ma ha dato una certa emozione. Sarò malato di mente? Beh..quasi certo..ma onestamente non ho mai detto di essere troppo sano : - )
Comunque sia il fenomeno non è limitato al sottoscritto, e sulla grande rete il fenomeno dilaga su migliaia di siti e si declina in diverse forme, in particolare: il "retrocomputing" propriamente detto che coinvolge gli impallinati dei classici home computer degli anni 80 (Commodore, Atari, Spectrum, MSX, ... ) , il "retrogaming" cioè il rispolverare in vario modo e a distanza di tempo i videogames di grande successo della storia (chi di voi si sfida al classico della SNK, "Metal Slug", uscito per la console Neo Geo nel 1996 ??? ; - ) Deh oh! ) e il "retroconsole" ovvero come disseppellire da chili di polvere le gloriose console di gioco ricollagandole (rigorosamente via cavo antenna) alle più recenti tv ....
Il movimento è articolato e complesso: accanto ad Internet sono numerose le fiere di vintage informatico e elettronico dove il tema ricorre con estremo interesse e un' ulteriore espressione del crescente fermento nei confronti di questo tema è rappresentato dal concetto dell'emulazione su piattaforme moderne delle vecchie architetture del passato. Bene.. cavalchiamo pure noi l'onda e gettiamoci in questa marea di fuffa, cassette, cartuccie e joystick e cominciamo con una piccola perla. Chiunque di voi abbia avuto un Nintendo "classico" (più precisamente un NES) dotato della pistola ottica non può non aver giocato a "Duck Hunt" (correva l'anno 1984) : in pieno contrasto con ogni moralità animalista ed ecologista lo scopo del gioco era quello abbattere il maggior numero di anatre svolazzanti per lo schermo... date un'occhiata alla schermata successiva per rinfrescarvi la memoria...



lo ricordate adesso? Ora alzi adesso la mano chi, giocando a "Duck Hunt", non abbia avuto il sadico pensiero e non abbia disperatamente provato a sparare al cane b*stardo e stupido che ti rideva in faccia quando mancavi il bersaglio?? Vedo molte mani virtuali alzate! Per fortuna un benefattore ha pensato a noi e ha ricreato una versione flash del gioco dove finalmente possiamo sfogare le nostre più represse voglie e complessi di gioventù... cliccate su http://www.i-mockery.com/minimocks/duckhunt e dateci dentro senza pietà!!
Se invece il vostro spirito è nobile e volete rigiocare alla versione "classica" del gioco qui trovate l'edizione originale del videogame ... http://www.elpais.com/juegos/swf/duck_hunt.swf il tutto in flash e comodamente nella finestra del vostro browser.

Chiudo questo primo post con un quiz che ci porterà direttamente al protagonista di uno dei prossimi interventi in questa sezione... chi di voi, da attento osservatore, sa dire cosa siano gli oggetti ritratti nelle due immagini seguenti ?? In particolare prestate attenzione alla seconda immagine.... e ... rileggendo adesso il titolo del post ora ne avete capito il senso?? Mediate gente, meditate : - )




Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di DL4U (del 10/01/2008 @ 00:01:32, in Passions, linkato 688 volte)
The Nikon Photo Contest International



Nato nel 1969 il Nikon Photo Contest International è uno dei più prestigiosi concorsi fotografici al mondo. Una occasione unica per fotografi professionisti e amatoriali per scambiare, condividere e proporre la propria visione, le proprie emozioni e il proprio linguaggio comunicativo attraverso l'immagine senza tempo di una foto.

Nella sezione "vision" del sito del Contest è presente una meravigliosa definizione della forza e del significato di questa potente forma comunicativa ed emozionale, capace di essere arte senza tempo trascendente ogni differenza etnica, culturale:

"Photography is a universal language. Its timeless power transcends nationality, ethnicity and culture by communicating directly to the emotional core we all share. Without words, photographs speak to us all. That's what makes photography so special and so important. "

Visitate il sito ufficiale del Nikon Photo Contest International e accedete alla collezione storica "Museum Award Winning Photographs 1969 - 2007" per visualizzare i migliori scatti del concorso; di altrettanto interesse la minigallery dedicata ai talenti emergenti "The Art of Emerging Talent"




immagine in alto:
Nikon Photo Contest International 2007
Primo classificato nella categoria "Free subject"
Titolo: Breaking the silence
Fotografo: Joao Quaresma
Nazione: Portugal
lo (Arcipelago delle Azzorre)
link alla scheda dell'opera

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di DL4U (del 02/01/2008 @ 18:25:42, in Musica, testi, citazioni, canzoni, linkato 932 volte)
The sound of silence
(Paul Simon and Art Garfunkel, album "Sounds of silence", 1965)



______________________________________

Proprio ieri sera ho riscoltato le strofe dolci e malinconiche di questa canzone rivedendo in tv il film "il Laureato" con Dustin Hoffman. Ogni volta che mi capita di risentirla ripenso con un filo di nostalgia al periodo delle scuole superiori quando durante una lezione di inglese "alternativa" sentii per la prima volta questo pezzo."The sound of silence" assieme all'altrettanto famosa "Mrs. Robinson" sempre di Simon & Garfunkel compongono i due pilastri della colonna sonora di un film che è divenuto negli anni un insuperabile pezzo di storia del cinema e icona di un'intera generazione: prodotto nel 1967, "il Laureato" (The graduate nel titolo originale americano) anticipa attraverso un racconto sentimentale i fermenti giovanili di ribellione che esploderanno di lì a poco nelle grandi contestazioni del 1968. Il testo della canzone invece affronta il tema dell'incolumità umana raccontandone sogni ed incubi e riuscendo nell'esercizio estremo di dare un suono al silenzio. “The Sound Of Silence”, con la sua struggente e aggraziata malinconia, è uno dei vertici assoluti del folk-rock.  Una canzone che è poesia, una poesia che è rock e esprime il tramonto di un’era, una desolante atmosfera di solitudine: due ragazzi, una chitarra e il silenzio che li avvolge nel freddo della notte, trasportati verso un mondo poetico e visionario.





Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1
Ci sono 65 persone collegate

< novembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Amenità e altre "patacate" miste (14)
Appunti (22)
Archeologia Informatica (3)
Cinema (11)
Fumetti e cartoni alternativi (3)
Impegno sociale (16)
Informatica,tecnologia,hacking (33)
Letture (9)
Musica, testi, citazioni, canzoni (58)
My Seventies (3)
Passions (19)
Pensieri, riflessioni e sfoghi... (27)
Viaggi e giornate da ricordare (12)

Catalogati per mese:
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
...
15/12/2010 @ 08:51:13
Di air jordans

Titolo
Scorci (7)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Nessun sondaggio disponibile.

Titolo
Questo blog supporta



______________________________
Letture...

J.D. Salinger
Il giovane Holden
(The catcher in the rye)
EinaudiEditore



______________________________

Daniele Biachessi
La Fabbrica dei Profumi
Baldini e Castoldi Editore

La Fabbrica dei Profumi - D. Biachessi







__________________________

Musica...

Vasco Rossi - Dillo alla luna (1990)

Ben E. King - Stand by me (1961)

Queen - Bohemian Rhapsody (1975)

U2 - Pride (In the name of love) (1984)




__________________________

Profilo Facebook di Alberto Visconti

My status


Titolo
SITI AMICI



18/11/2019 @ 18:11:37
script eseguito in 165 ms