Immagine
 La vecchia ferrovia del mare... di DL4U
 
"
T'immagini la faccia che farebbero se da domani davvero davvero tutti quanti "smettessimo"!! T'immagini quante famiglie sul lastrico altro che crisi del dollaro questa sì che sarebbe la Crisi del Secolo!!!

Vasco Rossi - "T'immagini - Cosa Succede in Città" - 1985
"
 
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di DL4U (del 31/03/2008 @ 23:24:36, in Informatica,tecnologia,hacking, linkato 600 volte)
In questo veloce post vi propongo una fotogallery dedicata ad Eolo (la mia connettività broadband wireless su tecnologia Hyperlan) realizzata con Autoviewer, un visualizzatore free di immagini in flash, integrabile con Adobe Lightroom e Picasa. Lo potete scaricare gratuitamente qui http://www.airtightinteractive.com/projects/autoviewer .. consigliato!

Ecco la galleria... diciamo che è un modo "alternativo" per proporvi alcuni scorci delle mie zone. Alcune foto sono mie, altre (quelle più acrobatiche) sono state prese dal sito di NGI ... Buona visione!

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di DL4U (del 30/03/2008 @ 23:57:27, in Musica, testi, citazioni, canzoni, linkato 653 volte)
<< Con le mie mani, con queste mani traccerò il domani che vorrò.
Con questi occhi riderò del tuo mondo...
Nell'aria c'è un vuoto che riempirò con le parole,
le lacrime calpesterò, le lascerò a chi le vuole.
Con il mio cuore parlerò, io paura non ne ho.
Con queste ali fenderò l'orizzonte...
Fragile quel soffio appeso ai margini di questo cielo.
Le anime non sanno ancora altrove cosa c'è...
Nell'aria c'è un vuoto che riempirò con l'emozione,
le lacrime calpesterò, le lascerò disciolte al sole >>

da "Nell'Aria" - L'Aura - 2008
____________________________________________



Vi consiglio l'ascolto dell'album...
L'Aura è musicista polistrumentale e cantante, con una voce inconfondibile, dolce e allo stesso tempo potente capace di creare crea armonie sofisticate e convolgenti... sito web ufficiale: www.l-aura.com

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di DL4U (del 26/03/2008 @ 20:55:33, in Musica, testi, citazioni, canzoni, linkato 589 volte)
Grazie Anto! E' stato un piacere leggere i tuoi commenti sul blog... e, mi raccomando, quando hai voglia di scrivere qualcosa, questo spazio è sempre aperto & disponibile ; - ) ...tutti i contributi, le proposte, le idee, le critiche e le espressioni di punti di vista differenti aiutano a rendere più vivace il blog e sono sempre graditi e ben accetti! Ovviamente l'invito è esteso anche a tutta l' allegra brigata di quotidiani lettori delle mie avventure .... ed ora un po' di musica !! Beccatevi questo video "alternativo" di "It's the end of the world as we know it (and I feel fine)" dei REM... così stavolta mi risparmio di scrivere il testo della canzone... : - D
_________________________________________________

REM
It's the end of the world as we know it
(and I feel fine)



( Album "Document" - 1987)


Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di DL4U (del 24/03/2008 @ 23:05:40, in Informatica,tecnologia,hacking, linkato 1203 volte)

Avviso che questo è un post tecnico.. vi rimando ai prossimi per le "patacate" del periodo pasquale... : - )

In questo periodo per lavoro ho avuto modo di affrontare l’argomento ISCSI e storage condivisi su network TCP/ IP. In ambito lavorativo abbiamo adottato un sistema professionale brandizzato HP su base Windows Storage Server 2003 (ovviamente su hardware dedicato e con costi non abbordabili per un uso domestico): ho quindi affrontato una ricerca per ottenere un risultato equivalente, sempre su base Windows (2000 professional e server, XP Pro e 2003 Server). Ma prima di descrivervi i risultati dei miei studi, una breve panoramica sulla tecnologia: Internet -SCSI (ISCSI appunto) è un protocollo standard per incapsulare i tipici comandi SCSI all’interno di pacchetti TCP/IP e che consente il trasporto blocchi di dati su reti IP. ISCSI è di norma utilizzato per realizzare Storage Area Networks (SANs) IP based. Il principale vantaggio di questa soluzione è la possibilità di creare storage a basso costo, caratterizzate da buone prestazioni di I/O (comunque dipendenti dalle perfomance della rete TCP/IP sottostante), anche su lunghe distanze (in LAN o WAN) sfruttando una normalissima rete Ethernet (ovviamente meglio se fast o gigabit) anziché collegamenti dedicati (canali scsi o fiber channels) tra gli storage e i server.

Nell’architettura due sono i ruoli svolti: il ruolo ISCSI target è detenuto dall’host di rete dove si vuole sharare un device o dello spazio disco (tipicamente nel nostro ambito casalingo un serverino/pc con un po’ di spazio disco da donare alla rete) . Sulla macchina che svolge il ruolo di target deve essere in esecuzione un software iSCSI target , in grado di supportare una buona varietà di device fisici/virtuali connessi alla macchina. Il secondo ruolo è quello di ISCSI client (initiator) ovvero la macchina che deve connettersi al target per ottenere l’accesso ad un device condiviso (per esempio dello spazio disco). L’ ISCSI initiator consente l’accesso a differenti e molteplici device target ISCSI. La comunicazione tra ISCSI target e ISCSI initiator è effettuata su una normale rete TCP/IP (LAN o internet, anche su link geografici).

Ecco i principali pro di questa soluzione:

  • · costi ridotti di realizzazione
  • · semplicità e scalabilità, su reti TCP/IP (LAN, WAN, internet) anche protette da firewall
  • · semplice realizzazione di soluzioni di disaster recovery e replicazione dei dati remota
  • · integrazione possibile con i normali canali SCSI

Stanti queste premesse, l’obiettivo da raggiungere era quello realizzare un ISCSI target a costo modico su sistema Windows, senza per forza utilizzare le versioni Storage Server di 2003. Risultato raggiunto il prodotto StarWind (scaricabile gratuitamente in versione “personal”, previo registrazione, qui http://www.rocketdivision.com/wind.html) . Il prodotto nella forma “personal” è gratuita, funzione bene, è di semplice installazione e permette di testare la tecnologia ISCSI in casa a costo zero: unico limite di questa versione il limite di un solo accesso client contemporaneo al device ISCSI condiviso da target (un solo client alla volta può aprire la connessione sul device). Di fatto però i costi relativamente contenuti delle licenze “full” lo rendono appetibile anche in ambito professionale dove magari c’è l’esigenza di integrare una architettura server/client già esistente con soluzioni SAN su ISCSI.

Qui vi pubblico un piccolo manualetto sull’uso del prodotto, frutto delle mie prove.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di DL4U (del 21/03/2008 @ 00:46:30, in Pensieri, riflessioni e sfoghi..., linkato 622 volte)
Grazie a Fede x la segnalazione & il commento al mio ultimo post; "Jhonny" : seguirò immediatamente il tuo consiglio ; - ) e visto che non l'ho ancora fatto pubblicamente su queste pagine... ancora un grazie di cuore ancora per l'ospitalità della scorsa settimana !!!

Allo stesso modo un mega saluto dal blog ai "Compagni di Merende" : - ) di sabato scorso in quel di San Salvatore (in rigoroso ordine alfabetico Anto, Dany, Pier e Teo): è stata una bella giornata tra amici, finalmente un po' spensierata lontana da tutti i nostri casini, dalle solite routine e dai soliti discorsi. E mi han fatto estremamente piacere i vostri riscontri positivi. Alla prossima (in terra brianzola ?!?) ! Ringrazio infine Eros che ha indicizzato le pagine di questo blog tra i feed rss del suo Outlook.. ho visto che smanetti su dblog a quando una tua "pubblicazione" ???
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di DL4U (del 18/03/2008 @ 23:31:21, in Cinema, linkato 855 volte)
"Ci sono momenti come questo in cui riesco a sentirmi felice.
Voglio che rimanga tutto così per sempre.
Anche se so che per sempre non esiste"




La frase sopra riportata è ripresa dalla scena finale del film "Saturno Contro", opera del 2007 del regista Ferzan Ozpetek. Un cast di prim'ordine (PierFrancesco Favino, Stefano Accorsi, Luca Argentero, Margherita Buy, Ambra Angiolini, Serra Yilmaz, Milena Vukotic, Isabella Ferrari, Ennio Fantastichini) per un film toccante ed emozionante, che ha come temi centrali quello dell'amicizia (vista come una sorta di famiglia allargata) oltre a quello dell'amore, della morte, e delle difficoltà che nascono in conseguenza di essa. Ozpetek realizza con "Saturno Contro" il suo film più personale e maturo, rappresentando quello che per lui è l'amicizia, intesa come vera famiglia, tradizionale o non, sottolineando l'importanza della sua presenza, quasi superiore a quella dell'amore, di avere al proprio fianco persone capaci di sacrificare ogni cosa, nel momento in cui si ha bisogno della loro presenza, del loro aiuto. Accanto a quello principale dell'amicizia c'è poi il tema fortissimo della morte, delle conseguenze che questa comporta, delle difficoltà che necessariamente nascono nel momento stesso in cui qualcuno viene a mancare, dal doversi per forza di cose separare da lui e del vuoto spesso incolmabile che si crea nella vita di chi sopravvive. A corollario della pellicola uno struggente e passionale tema musicale dai toni latini, composto da Neffa e arricchito dal brano "Remedios" di Gabriella Ferri.
Nello svolgersi della trama i momenti emozionanti si alternano a quelli divertenti; spesso ci si commuove, grazie anche all'uso poetico, autobiografico di Ozpetek della macchina da presa e delle inquadrature.
Impeccabili tutti i personaggi, su tutti quelli "secondari" (ottime le prove di Ambra e Fantastichini),e un' ennesima conferma per Favino già protagonista di altre pellicole degne di nota e ricordo. Un film duro, toccante, malinconico ma positivo, ottimamente diretto e sceneggiato, capace di trattare temi scomodi, ma attuali, in modo partecipato e profondo. Da vedere.
_________________

Passione
Neffa (G. Pellino)

Dammi passione
anche se il mondo
non ci vuole bene
anche se siamo
stretti da catene
e carne
da crocifissione

presto noi sogneremo
distesi al sole
di mille primavere
senza il ricordo
di questa prigione
di un tempo
lontano ormai

Abbracciami e non lasciarmi qui
lontano da te
abbracciami e fammi illudere
che importa se questo è il momento
in cui tutto comincia e finisce
giuriamo per sempre però
Siamo in un soffio di vento che già se ne va

C'erano le parole
c'erano stelle

che ho smesso di contare
perso nei giorni
senza una ragione
nei viaggi senza ritornare

ora tu non spiegare
tanto lo sento
dove può il dolore
quando la notte
griderà il mio nome
nessuno ricorderà

Abbracciami e non lasciarmi qui
lontano da te
abbracciami e fammi illudere
che importa se questo è il momento
in cui tutto comincia e finisce
giuriamo per sempre però
Siamo in un soffio di vento che già se ne va

Siamo in un soffio di vento che già se ne va.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di DL4U (del 12/03/2008 @ 01:04:27, in Musica, testi, citazioni, canzoni, linkato 671 volte)
C'è stato un periodo in dove anche in Italia si è prodotta musica rock di buon livello e del sound capace di toccare le corde di una vasta massa di persone. E' durato un decennio circa, intorno agli anni '90, quando emersero sulle scene alcuni nomi che poi purtroppo nel tempo si sono persi o hanno cambiato il loro carattere originale (per rimpasti delle formazioni, stanchezza delle idee, dissidi interni, ecc..) divenendo oggi il pallido ricordo di ciò che erano. Due esempi su tutti: Litfiba (quelli del primo periodo con Renzulli alla chitarra e Pelù instrionico alla voce) e Timoria (quelli di Renga alla voce e di Pedrini ai testi ed alle chitarrre); forse il ricordo di quegli anni, anche dal punto di vista personale, hanno contribuito ad esaltarne il valore, ma ritengo ancora adesso alcune di quelle produzioni tra le migliori e più complete espressioni dell'anima "rock" italiana più innovativa, sentita, contaminata di idee e influenze di generi, di ogni tempo. Ad esempio un album, che molti come me avranno sentito e risentito ai tempi - e che di tanto in tanto fa piacere risentire facendo scaturire le medesime sensazioni - dal titolo "Viaggio senza vento" (pubblicato nel 1993 dai Timoria e di cui ho già citato nel blog la front track "Senza vento") : un raro caso di un concept album italiano che miscelava con una grinta non comune hard rock e progressive; una serie di melodie e testi in cui un'intera generazione si è più o meno riconosciuta (facendone spesso di fatto un proprio manifesto). Un periodo come mai prima e purtroppo si è spento troppo presto senza un vero seguito, diluendosi nel caso migliore nelle forme più classiche del pop.

...meno male che a far sbollire le micro-inc@zz@ture c'è sempre la buona musica ... e le "piccole cose" per cui non vale mai darsi pena spariscono sempre (ma non si dimenticano...) ...c'è di meglio da fare nella vita! ; - )

Sangue Impazzito
(Timoria, 1993, album "Viaggio senza vento")


Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di DL4U (del 05/03/2008 @ 22:56:49, in Musica, testi, citazioni, canzoni, linkato 806 volte)


Facciamo un piccolo sondaggio... guardate la copertina riprodotta qui sopra: immagino che la maggior parte di voi ne abbia una copia (più o meno originale) nella propria collezione di musicassette/vinili/cd, essendo uno degli album più venduti e ascoltati nella storia del rock. E' l'album " Use your illusion I ", registrato in studio dai Guns and Roses nel 1991; ma pur avendola vista mille volte vi siete mai domandati da dove è stata tratta la figura del ragazzo che scrive ? Eccola nella sua completezza:



E' l'affresco "La scuola di Atene" di Raffaello dipinto tra il 1509 e il 1511 nella Stanza della Segnatura nei Palazzi del Vaticano, e rappresenta Aristotele e Platone insieme ad altri filosofi dell'antichità, in uno dei più celebri capolavori del Rinascimento. Osservando la seconda immagine, potete vedere il particolare presente nella copertina sulla parte destra dell'opera di Raffaello. Facciamo un lunghissimo salto nel tempo e arriviamo nel 1991 anno di pubblicazione dell'album in oggetto e di incisione dei uno del brano forse più celebre e suonato dei G 'n' R: è "November Rain" traccia record di oltre 8 minuti contenente due assoli di chitarra che hanno fatto scalare a Saul Hudson (alias Slash) la vetta dei migliori chitarristi rock al mondo, al fianco di Page, Hendrix e Van Halen. E' ormai nella storia della musica l'immagine di Slash, capelli a vento nel deserto del New Mexico, mentre esegue il "solo" imbracciando la sua Gibson... dimenticavo: le cover di "Use of Illusion I e II" furono disegnate da Mark Kostabi, pittore e compositore statunitense, le cui opere sono esposte al MOMA di New York.

November Rain
Axl Roses and G 'n' R
(Use you illusion I - 1991)

When I look into your eyes
I can see a love restrained
But darlin' when I hold you
Don't you know I feel the same
'Cause nothin' lasts forever
And we both know hearts can change
And it's hard to hold a candle
In the cold November rain
We've been through this such a long long time
Just tryin' to kill the pain
But lovers always come and lovers always go
An no one's really sure who's lettin' go today
Walking away
If we could take the time to lay it on the line
I could rest my head
Just knowin' that you were mine
All mine
So if you want to love me
then darlin' don't refrain
Or I'll just end up walkin'
In the cold November rain

Do you need some time...on your own
Do you need some time...all alone
Everybody needs some time...on their own
Don't you know you need some time...all alone
I know it's hard to keep an open heart
When even friends seem out to harm you
But if you could heal a broken heart
Wouldn't time be out to charm you

Sometimes I need some time...on my
own Sometimes I need some time...all alone
Everybody needs some time...on their own
Don't you know you need some time...all alone

And when your fears subside
And shadows still remain, ohhh yeahhh
I know that you can love me
When there's no one left to blame
So never mind the darkness
We still can find a way
'Cause nothin' lasts forever
Even cold November rain


Don't ya think that you need somebody
Don't ya think that you need someone
Everybody needs somebody
You're not the only one
You're not the only one



sopra: la cover del cd singolo
Quando guardo nei tuoi occhi
riesco a vedere un amore trattenuto
ma cara quando ti stringo
non lo sai che provo la stessa cosa.

Perché niente dura per sempre
ed entrambi sappiamo che i nostri cuori possono cambiare
ed è difficile far durare un candela
nella fredda pioggia di Novembre.

Ci siamo dentro da talmente tanto tempo
cercando semplicemente di far passare il dolore.

Ma gli innamorati vengono sempre
e gli innamorati se ne vanno sempre
e nessuno è mai sicuro di quello che lascia oggi
mentre se ne va camminando.

Se potessimo prenderci il tempo
per dirci tutto chiaramente
io potrei far riposare la mia testa
sapendo che tu eri mia
tutta mia.
Per cui se vuoi amarmi
allora cara non ti trattenere
o io finirò a camminare
nella fredda pioggia di Novembre.

Hai bisogno di un po’ di tempo… per conto tuo?
Hai bisogno di un po’ di tempo… da sola?
Tutti hanno bisogno di un po’ di tempo… per conto loro
Non sai che hai bisogno di un po’ di tempo… da sola?

So che è difficile tenere un cuore aperto
quando sembra che anche gli amici siano lì per farti male
ma se tu potessi guarire un cuore spezzato
il tempo non sarebbe lì per incantarti?

A volte ho bisogno di un po’ di tempo… per conto mio
A volte ho bisogno di un po’ di tempo… da solo
Tutti hanno bisogno di un po’ di tempo… per conto loro
Non sai che hai bisogno di un po’ di tempo… da sola?

E quando le tue paure si placano
e le ombre rimangono ancora
so che puoi amarmi
se non rimane più nessuno da incolpare
per cui non importa l’oscurità
possiamo ancora trovare una via
perché niente dura per sempre
nemmeno la fredda pioggia di Novembre.

Non sei l’unica
Non sei l’unica
Non credi di aver bisogno di qualcuno?
Non credi di aver bisogno di qualcuno?
Tutti hanno bisogno di qualcuno
Non sei l’unica
Non sei l’unica

Non credi di aver bisogno di qualcuno?
Non credi di aver bisogno di qualcuno?
Tutti hanno bisogno di qualcuno
Non sei l’unica
Non sei l’unica

Non credi di aver bisogno di qualcuno?
Non credi di aver bisogno di qualcuno?
Tutti hanno bisogno di qualcuno
Non sei l’unica
Non sei l’unica

Non credi di aver bisogno di qualcuno?
Non credi di aver bisogno di qualcuno?
Tutti hanno bisogno di qualcuno

Ecco il video originale dalla canzone, del 1992: al nono posto tra i video più costosi nella storia della musica (1.5 milioni di dollari del tempo) nel filmato è possibile vedere anche alcune scene tratte da un ormai mitico concerto dei Guns alla Carnegie Hall di Londra. Sempre su YouTube è possibile trovare la sequenza dei filmati tratta da un VHS d'annata che compone il "making of" del video di November Rain raccontata dagli stessi protagonisti:


Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di DL4U (del 04/03/2008 @ 21:42:30, in Passions, linkato 725 volte)

Dedico questo post ad uno degli artisti del '900 che più ha affascinato per la genialità e la singolarità delle sue produzioni: Maurits Cornelis Escher (Leeuwarden, 17 giugno 1898 – Laren, 27 marzo 1972), incisore e pittore olandese. Tutti voi, penso, vi sarete prima o poi imbattuti in un'opera di Escher e nelle sue figure impossibili tipicamente prodotte in formato di lito o xilografie.



M.C. Escher - Mani che si disegnano (1948) - un esempio di autoreferenziazione


Dalle esplorazioni dell'infinito, alle tassellature delle geometrie, passando per gli edifici impossibili e le scale circolari: il mondo visto dagli occhi di Escher ha una fortissima connotazione logica e matematica dove la geometria e le dimensioni hanno un ruolo fondamentale, dove si esplorano i concetti dell'infinito (sia dal punto di vista matematico che del punto di vista filosofico) e della logica ricorsiva (intesa come processo iterativo finalizzato alla risoluzione di un problema - uno dei fondamenti nell'informatica teorica - ) e della geometria delle superfici e dello spazio. I lavori di Escher, in prevalenza realizzati in bianco e nero mediante le tecniche di incisione, rappresentano un mondo seducente e curioso che, pur essendo dominato dalla regolarità della matematica e dalla precisione del dettaglio, risulta a tratti folle per quanto surreale a tratti futuristico e visionario per la modernità dei concetti espressi. Innumerevoli sono le riproduzioni in varie forme delle opere di M.C. Escher, altrettanto frequenti le citazioni in opere di altri artisti (per esempio Matt Groening, papà dei cartoons "i Simpsons", lo cita nel fumetto "Life in Hell").
In questo post vi propongo alcuna piccolissima selezione delle opere dell'artista: di alcune queste ricordo ancora i tentativi di riproduzione a china e a matita (spesso con fortune alterne...) durante le lezioni di disegno artistico al liceo... saranno state le ore passate a riprodurlo, sarà stata la genialità sottile delle sue opere (che poi ho riapprezzato nei concetti durante gli studi del Poli): allora come oggi Escher è tra gli artisti che più mi appassionano e suggestionano.



M.C. Escher - Relatività (1953) - I concetti di Albert Einstein nell'arte



M.C. Escher - Mano con sfera riflettente (1933) - Il periodo italiano


M.C. Escher - Piccolo e più piccolo (1956) - Un esempio di geometria dei frattali nell'arte di Escher

Il sito ufficiale dedicato a Escher: http://www.mcescher.com

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di DL4U (del 02/03/2008 @ 21:07:26, in Informatica,tecnologia,hacking, linkato 5197 volte)


Eureka! Come vedete dallo splash sopra pubblicato, dopo un bel po' di tentativi (e qualche sacramento tirato : - ) ) sono riuscito a caricare sul routerino di FON (Fonera modello 2100) il firmware open souce (linux based) DD-WRT 24 RC 6.2. Il piccolo router nasce con preinstallato una versione brandizzata FON del firmware Open-WRT per l'uso specifico entro al comunità FON.


L'hardware del router è prodotto da Accton ha le seguenti specifiche niente male:

Fonera Model 2100

  • CPU: Atheros AR531X_COBRA - MIPS 4KEc V6.4 - 183.50 mhz
  • RAM: Hynix hy57v281620etp-h - 16 MB
  • Flash: ST(84) H - 25P64V6P - MYS 636 - 8 MB
  • Ethernet: (1x) Altima AC101 (10/100 Mbit/s) [Auto-MDI(X)]
  • Wireless: IEEE 802.11b / 802.11g (up to 54 Mbps)
  • Antenna Connector: RP-SMA Connector (Reverse SMA)
  • Antenna Omni-Directional detachable antenna (2dBi)
  • Dimensions: 93.5 mm x 25.5 mm x 70 mm (excluding antenna)
  • Powersupply Input: 100-240V ~ 50-60 Hz 0.3A. Output: 5V DC, 2.0A Output
  • Power Consumption: 4 Watt
  • Reset Switch
Con DD-WRT la piccola scatolina rinasce a nuova vita dotandosi di features di primissimo ordine: routing, bridging, NAT, WDS, QoS, HotSpot, VPN, tutte funzioni integrate nel firmware (che ricordo essere Linux based, gratuito, open source e rilasciato sotto licenza GPL) che tra l'altro è installabile su quasi tutta la serie dei router Linksys WRT54G. Potete consultare il sito ufficiale del progetto DD-WRT all'indirizzo http://www.dd-wrt.com dove oltre a tutte le caratteristiche del firmware potete trovare anche la lista di tutto l'hardware supportato. Troppo forte la tentazione per non provre subito l'hacking. L'installazione sulla Fonera non è del tutto immediata (anche perchè di fatto una forma di hacking su un sistema che nasce "embedded" sul fw di FON, e bloccato ad ogni forma di update via SSH), ma dopo un bel po' di prove (anche attaverso porta seriale) sono riuscito a trovare la procedura corretta di modifica, a cui ho fatto una personale modifica per mia pura e semplice comodità.
Il primo passo consiste nel resettare alle impostazioni fabbrica (e contemporaneamente downgradare il firmware originale di FON alla versione 0.7.1.1 dove la porta SSH era aperta). Ecco come fare (qualunque sia la versione del firmware a bordo della vostra scatolina, basta che sia una model 2100):
  • Con la Fonera accesa da almeno 5 minuti, premete il tasto reset situato sotto il router;
  • Tenendolo premuto togliete l’alimentazione;
  • Contate fino a 5 e ricollegate l’alimentazione continuando a tenere premuto il tasto reset finché il led “WLAN” non si accende e poi si rispegne (ci vogliono almeno 2/3 minuti);
  • Rilasciate il tasto reset.

A questo punto La Fonera è tornata nelle condizioni di fabbrica, con il firmware iniziale e le credenziali di accesso resettate a utente: root e password: admin. Pare una cretinata questo primo passo, ma solo per questo ho dovuto girare un bel po' di siti e forum non riuscendo a trovare l'esatta combinazione di mosse da eseguire (la corretta sequenza l'ho trovata poi su questo blog ). A questo punto è necessario procurarsi un po' di software e decidere il percorso da seguire: il metodo via utility o il metodo a linea di comando.

Metodo via utility

Se scegliete il metodo via utility dovete scaricare ed installare il seguente materiale:

1) Il software Winpacp

http://www.winpcap.org/install/bin/WinPcap_4_0_2.exe

2) il software che esegue il flash del firrmware "AP5"

http://fon.testbox.dk/flashing/GUIfl...gui-1.0-24.exe

3) Scaricare dal sito DD-WRT i file vmlinux.bin.l7 e root.fs (il core del nuovo firmware) - solo questi 2 file!

http://www.dd-wrt.com/dd-wrtv2/down.php?path=downloads%2Frelease+candidates/

selezionate la versione del fw, selezionate l'hardware (ovviamente La Fonera) e quindi scaricate i due file :
root.fs e vmlinux.bin.l7

I
nstallato Winpcap (basta un doppio click) avviamo l'utility ap51. Selezioniamo nel campo rootfs il file file root.fs salvato precedentemente dal sito di dd-wrt e per il kernel selezionate il file vmlinux.bin.l7, clicchiamo quindi sul box " ddwrt..nvram ". Effettuate queste manovre selezioniamo la connessione di rete ethernet del vostro pc (ovvero quella che andrà fisicamente connessa con un cavo ethernet - dritto - alla Fonera). A questo punto colleghiamo il cavo ethernet alla Fonera, senza alimentarla. Non è necessario che alla scheda di rete del pc sia assegnato un indirizzo ip. Startiamo l'utility (bottone "GO!") e dopo qualche secondo accendiamo la Fonera.Dopo alcuni messaggi di "packet loss", l'utility fornirà l'ip sia alla vostra scheda di rete e della Fonera. Lasciamo macinare l'utility senza intervenire (l'intero processo di flash dura circa 20 minuti). Una volta terminato il flash l'utility si chiude automaticamente. La Fonera eseguirà un reboot e dopo qualche minuto sarà operativa, e di nuovo raggiungibile via web all'indirizzo http://192.168.1.1 (con login root/admin): ma come per magia ci troveremo di fronte la console web di DD-WRT : - ) facile no?

Metodo via linea di comando

I più duri e puri di voi invece dopo il passo di reset della Fonera al firmware originale possono seguire l'ottima guida in inglese pubblicata qui http://uselesshacks.com/?p=23

Buon hack, e godetevi un nuovo router/access point/bridge (DD-WRT permette svariati ambiti d'uso) a cui avete appena messo "il turbo" !

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2
Ci sono 58 persone collegate

< novembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Amenità e altre "patacate" miste (14)
Appunti (22)
Archeologia Informatica (3)
Cinema (11)
Fumetti e cartoni alternativi (3)
Impegno sociale (16)
Informatica,tecnologia,hacking (33)
Letture (9)
Musica, testi, citazioni, canzoni (58)
My Seventies (3)
Passions (19)
Pensieri, riflessioni e sfoghi... (27)
Viaggi e giornate da ricordare (12)

Catalogati per mese:
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
...
15/12/2010 @ 08:51:13
Di air jordans

Titolo
Scorci (7)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Nessun sondaggio disponibile.

Titolo
Questo blog supporta



______________________________
Letture...

J.D. Salinger
Il giovane Holden
(The catcher in the rye)
EinaudiEditore



______________________________

Daniele Biachessi
La Fabbrica dei Profumi
Baldini e Castoldi Editore

La Fabbrica dei Profumi - D. Biachessi







__________________________

Musica...

Vasco Rossi - Dillo alla luna (1990)

Ben E. King - Stand by me (1961)

Queen - Bohemian Rhapsody (1975)

U2 - Pride (In the name of love) (1984)




__________________________

Profilo Facebook di Alberto Visconti

My status


Titolo
SITI AMICI



17/11/2019 @ 23:13:23
script eseguito in 140 ms