Immagine
 L'imbarcadero sul lago ... (Angera)... di DL4U
 
"
Indietro non si torna, non si può tornare giù. Quando ormai si vola non si può cadere più....

Vasco Rossi - "Gli Angeli - Nessun Pericolo per Te" - 1996
"
 
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di DL4U (del 27/04/2007 @ 19:10:29, in Musica, testi, citazioni, canzoni, linkato 885 volte)


guardami quando mi parli

guarda se e vero
guardami quando mi parli
guarda se tremo
mmmmmh, smettila di parlare
guardando il muro
e se qualcosa mi devi dire
dimmelo duro
guarda in faccia la realta
e quanto e dura
sara sfortuna
sfortuna
guardala in faccia la realta
e piu sicura
guardala in faccia la realta
e meno dura
se c'e qualcosa che non ti va
dillo alla luna
puo darsi che porti fortuna
dirlo alla luna
guardami in faccia quando mi parli
non sei sincera
se mi guardi quando mi parli
non sei sicura
la voglio in faccia la verita
e se sara dura
la chiamero sfortuna
maledetta sfortuna...

Vasco Rossi - Dillo alla Luna - Fronte del Palco (1990)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di DL4U (del 27/04/2007 @ 10:28:31, in Cinema, linkato 782 volte)
Stand by me - Il ricordo di un'estate (drammatico/avventura - USA -1986)


E’ un caldo weekend di agosto del 1960. Quattro tredicenni scappano da Castle Rock, cittadina nell’ Oregon, alla ricerca del corpo di Ray Brower, un loro coetaneo scomparso da casa e che credono ucciso da un treno. Il protagonista-narratore del viaggio è Gordie Lachance (interpretato da Wil Wheaton): Gordie è un ragazzo introverso e timido con la passione per la scrittura, segnato nel profondo dalla tragica morte del fratello Denny (John Cusack); questo evento ha determinato l'isolamento di Gordie dai genitori, e più in generale del mondo che lo circonda.

Accanto a Gordie, l'amico Chris Chambers (River Phoenix), un tipo intelligente, impulsivo e afflitto da una fama da poco di buono. Nello svolgersi del film, progressivamente la figura Chris emergerà in un ruolo di “padre spirituale” di Gordie. Gli altri due ragazzi, Teddy (Corey Feldman) e Vern (Jerry O'Connell) sono due personaggi altrettanto atipici e complessi: il primo, in particolare, è figlio di un reduce dello sbarco in Normandia con gravi problemi psichici; il secondo è sovrappeso, codardo e facile al pianto. L'amicizia che lega i quattro viene messa a dura prova dalle avventure che si trovano a vivere in questo breve ma intenso viaggio. Nonostante le difficoltà della peripezia, i ragazzi riusciranno nel loro intento.

L'esperienza segnerà il passaggio dei quattro ragazzi dall'adolescenza all'età adulta.

Il soggetto originale del film Stand by Me è tratto dal racconto “The Body” (“Il Corpo”) scritto nel 1982 da Stephen King ed inserito nella raccolta “Stagioni diverse” (edita in Italia da Sperling & Kupfer).

Uno dei film più belli sull'adolescenza degli anni '80, nel miracoloso equilibrio della memoria tra sentimento e avventura. Ottima interpretazione dei quattro giovani protagonisti . A completamento la fotografia indimenticabile di Thomas Del Ruth e la colonna sonora di Ben E. King.

"Avevo dodici anni - quasi tredici - la prima volta che vidi un essere umano morto. Successe nel 1960, tanto tempo fa... anche se a volte non mi pare così lontano". Forse noi non abbiamo visto un cadavere a dodici anni - quasi tredici - ma sicuramente questo film, e il racconto da cui è tratto, ci porta a ricordare con nostalgia le piccole grandi cose che facevamo a quell'età.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di DL4U (del 26/04/2007 @ 22:52:01, in Musica, testi, citazioni, canzoni, linkato 768 volte)


"Camminavo vicino alle rive del fiume
nella brezza fresca, degli ultimi giorni d'inverno
e nell'aria andava una vecchia canzone
e la marea danzava correndo verso il mare.
A volte i viaggiatori si fermano stanchi
e riposano un poco in compagnia di qualche straniero.
Chissa dove ti addormenterai stasera
e chissà come ascolterai questa canzone.
Forse ti stai cullando al suono di un treno,
inseguendo il ragazzo gitano con lo zaino sotto il violino
e se sei persa, in qualche fredda terra straniera
ti mando una ninnananna, per sentirti più vicina.
Un giorno, guidati da stelle sicure
ci ritroveremo in qualche angolo di mondo lontano,
nei bassifondi, tra i musicisti e gli sbandati
o sui sentieri dove corrono le fate.
E prego qualche Dio dei viaggiatori
che tu abbia due soldi in tasca da spendere stasera
e qualcuno nel letto per scaldare via l'inverno
e un angelo bianco seduto alla finestra."

Modena City Ramblers - Riportando Tutto a Casa (1994)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di DL4U (del 25/04/2007 @ 16:33:44, in Cinema, linkato 691 volte)
Spiderman 3 - Di nuovo nella tela del Ragno dal primo maggio 2007



In questo episodio Peter Parker ha finalmente raggiunto l’equilibrio tra la sua dedizione all’amata M.J. e i suoi doveri da supereroe. Ma una tempesta si profila all’orizzonte. Quando il suo costume improvvisamente cambia, colorandosi di nero e aumentando i suoi poteri, anche Peter si trasforma, facendo emergere il lato più oscuro e vendicativo della sua personalita’. Sotto l’effetto del nuovo costume, diventa troppo sicuro di se e inizia a trascurare le persone a lui piu’ care. Costretto a scegliere tra il potere seduttivo del nuovo costume e l’eroe buono che era un tempo, Peter si ritrova a dover combattere da una parte contro i suoi demoni personali e dall’altra contro due dei più temibili nemici, l’Uomo Sabbia e Venom. I due infatti hanno acquisito un potere e una sete di vendetta senza precedenti e minacciano Peter e le persone a lui care.

Già campione di incassi negli USA, è sicuramente il film più costoso degli ultimi anni. E già si pensa ad un quarto episodio da realizzarsi entro il 2011.


Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di DL4U (del 23/04/2007 @ 12:40:13, in Informatica,tecnologia,hacking, linkato 782 volte)
Luci ed ombre di Google

Presentato al 9° Hackermeeting italiano, il libro "The dark side of Google" (uscito in formato cartaceo per Feltrinelli e distribuito in forma gratuita sul web), è una ricerca dal primi passi di Google (era il 1998) fino ad oggi. Vengono ripercorse scelte, idee e segreti del più usato e diffuso motore di ricerca. Soprattutto il testo si sofferma sulle conseguenze e i rischi del successo planetario di Google.

Segnalato "as is", pur non avendolo ancora letto. Ma lo farò presto.

La versione elettronica, liberamente scaricabile in formato pdf, è qui:

http://www.ippolita.net/google

Aggiornamento al post del 04/05/2006:

Lettura del libro terminata. Il testo ripercorre in modo esaustivo la storia di Google dai suoi primi vagiti in una stanza dell' università di Stanford sino ad oggi. La nascita e l'affinamento dell'algoritmo di PageRank, in una costante tensione nell'offrire sempre all'internauta "sempre il risultato voluto nel minor tempo possibile" e l'idea di fatto utopica dei due creatori "di creare un motore che contenga l'intera rete". Le contraddizioni del  "Gigante Buono": ovvero tutto cio' che sta dietro e soverchia l'idea diffusa "del motore buonista e democratico ". Da dove vengono generati i profitti economici del motore di ricerca? Quali filtri vengono imposti sui risultati delle ricerche? Le ragioni che sottendono alla frenetica nascita di svariati "figli di Google"  (GMail, GTalk, ecc..) e tutte le possibili violazioni attuate alla nostra privacy nel loro quotidiano utilizzo. Una lettura interessante e  consigliata: in fondo utilizziamo Google ogni giorno e assiduamente (quanti di noi, compreso il sottoscritto, lo hanno come home page del browser? ) e ritengo sia opportuno approfondirne la conoscenza per poi farne un uso maggiormente consapevole.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di DL4U (del 23/04/2007 @ 12:17:38, in Impegno sociale, linkato 1233 volte)
A distanza di più di trent'anni, era il 10 luglio del 1976 quando quella maledetta valvola cedette, una lettura per ricostruire un evento che ha segnato la per sempre le vite delle persone che l'hanno vissuta, marchiato il territorio che l'ha subita.

Nel libro-inchiesta del giornalista Daniele Biachessi, edito da Baldini e Castoldi, la ricostruzione minuziosa delle vicende di quei giorni, la disperazione della gente, le arroganze e i sotterfugi delle multinazionali, la collusione e l'incompetenza delle pubbliche istituzioni.

copertina

Il libro, non è facilmente reperibile nelle librerie, è comunque acquistabile on line direttamente dall'editore:

http://www.bcdeditore.it/Catalogo/Scheda_libro.aspx?id=1476

Da questo testo è stato estratto uno spettacolo di teatro sociale del titolo omonimo e interpretato dallo stesso Biachessi. Al link di seguito è possibile reperire i file audio e video dello spettacolo:

http://www.retedigreen.com/sevesoreading.htm

Dalla prefazione del libro:

Ci sono catastrofi che non fanno rumore, non spargono sangue, non spezzano vetri né innalzano macerie. La catastrofe di Seveso è una di queste, analoga alle altre prodottesi a Bhopal, a Chernobyl, in tutti gli altri luoghi dove si sono commessi crimini contro l’ambiente. «Nessuno poteva immaginare, se non i diretti responsabili, che quel fumo denso, acre, silenzioso avrebbe contenuto morte. Una nube biancastra premeva forte verso l’alto accompagnata da un sibilo violento, assordante che rompeva quel silenzio d’estate. Si disse che veniva da una piccola fabbrichetta chimica…» Era il 19 luglio 1976: un incidente nel ciclo di produzione dell’Icmesa, una fabbrica chimica del gruppo svizzero Hoffmann La Roche, causava la diffusione su una vasta area del più terribile dei veleni: la diossina. Inizialmente la direzione della fabbrica negava perfino la fuoriuscita di sostanze tossiche, ridicolizzando gli allarmi lanciati dai lavoratori e le apprensioni della popolazione. Ma contemporaneamente presso l’impianto dell’Icmesa giungevano, segretamente, per procedere a misteriosi sopralluoghi, alcuni ufficiali americani. Erano esperti in guerra chimica batteriologica? E perché altri militari, appartenenti ai servizi segreti di mezza Europa, si attivarono sul luogo dell’incidente? Perché questa mobilitazione se all’Icmesa si fabbricavano, secondo le versioni ufficiali, solo prodotti di base per l’industria dei cosmetici? Si iniziò a parlare di diossina e il disastro ambientale si profilò in tutta la sua drammatica portata. La verità – negata dal gruppo industriale svizzero, mimetizzata dalle autorità, trascurata da buona parte dei media – ha impiegato anni ad affiorare e, finalmente, viene delineata in tutta la sua raggelante portata da questo libro-inchiesta, caparbio e appassionato, scritto da Daniele Biacchessi. Dall’impianto dell’Icmesa era fuoriuscito il Tcdd, tetraclorodibenzop-diossina, probabilmente usato per produzioni militari. E la quantità sparsa nell’aria non era di poche centinaia di grammi ma andava valutata su quantità che si aggiravano tra i 15 e i 18 chili. Ben 7 chili di questa micidiale sostanza di morte, mescolati ai residui stoccati nei locali dell’Icmesa, risultano poi trasportati – nei primi anni Ottanta – nella ex Rdt, dopo un percorso depistante e segreto, sotto la supervisione di uomini dell’Intelligence e di emissari della multinazionale svizzera: un carico di morte che, come già nel 1976, ha minacciato la salute di milioni di persone. Il volume ricostruisce minuziosamente la storia e i retroscena del più grande disastro ambientale italiano, portando alla luce le complicità, le omertà, l’arroganza che hanno protetto per troppo tempo i padroni della «fabbrica dei profumi». Negando quella giustizia che le vittime dell’Icmesa hanno chiesto, invano, per anni.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di DL4U (del 22/04/2007 @ 19:14:20, in Musica, testi, citazioni, canzoni, linkato 811 volte)


Se perdi l'anima, e hai giocato la vita,
che gira con passo costante.
Se ancora pensi al mondo come ad
un gioco o come una chimera.
Se la tua vita si ferma in una piccola
strada che muore e senti quelli che
raccontano storie.
E affidarti dovrai, ed affidarti dovrai,
alla settima onda.
Se perdi l'anima, se hai giocato l'amore,
che gira con passo costante.
Se ancora pensi al mondo come ad
un gioco, o come a una chimera
Se la tua voce si ferma
In una piccola strada che muore, e
vengono quelli che raccontano storie.
E affidarti dovrai, ed affidarti dovrai alla
settima stella.
Settima onda è quella lontana, che prende le
genti e le porta nel mare.
La settima stella la puoi contare ogni sera, è
l'ultima che vedi, quella più alta nel cielo.
E affidarti dovrai, ed affidarti dovrai,
alla settima onda.

E affidarti dovrai, ed affidarti dovrai,
alla settima ste
lla.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1
Ci sono 31 persone collegate

< novembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Amenitą e altre "patacate" miste (14)
Appunti (22)
Archeologia Informatica (3)
Cinema (11)
Fumetti e cartoni alternativi (3)
Impegno sociale (16)
Informatica,tecnologia,hacking (33)
Letture (9)
Musica, testi, citazioni, canzoni (58)
My Seventies (3)
Passions (19)
Pensieri, riflessioni e sfoghi... (27)
Viaggi e giornate da ricordare (12)

Catalogati per mese:
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019

Gli interventi pił cliccati

Ultimi commenti:
...
15/12/2010 @ 08:51:13
Di air jordans

Titolo
Scorci (7)

Le fotografie pił cliccate

Titolo
Nessun sondaggio disponibile.

Titolo
Questo blog supporta



______________________________
Letture...

J.D. Salinger
Il giovane Holden
(The catcher in the rye)
EinaudiEditore



______________________________

Daniele Biachessi
La Fabbrica dei Profumi
Baldini e Castoldi Editore

La Fabbrica dei Profumi - D. Biachessi







__________________________

Musica...

Vasco Rossi - Dillo alla luna (1990)

Ben E. King - Stand by me (1961)

Queen - Bohemian Rhapsody (1975)

U2 - Pride (In the name of love) (1984)




__________________________

Profilo Facebook di Alberto Visconti

My status


Titolo
SITI AMICI



18/11/2019 @ 17:01:42
script eseguito in 110 ms