Immagine
 L'imbarcadero sul lago ... (Angera)... di DL4U
 
"
(Son) All the times that I cried, keeping all the things I knew inside, Its hard, but its harder to ignore it. If they were right, Id agree, but its them you know not me. Now theres a way and I know that I have to go away. I know I have to go. (father-- stay stay stay, why must you go and Make this decision alone? )

Cat Stevens - "Father and Son" - 1970
"
 
\\ Home Page : Storico : Fumetti e cartoni alternativi (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di DL4U (del 14/05/2008 @ 22:08:03, in Fumetti e cartoni alternativi, linkato 4188 volte)
C'è un cane "immaginario" del mondo dei cartoni che penso sia ben impresso nella mente di tutti quelli della mia età o più o meno. Lasciam perdere ogni forma di buonismo ... vediamo se vi ricordate: piccolino, canini ben in vista, qualche volta bardato di occhialoni da aviatore e sciarpa e addirittura capace di "svulazzare"...capito? No? E se vi dicessi che è bastardissimo??? Dai che non potete averlo dimenticato...



E' Muttley il cane di Dick Dastardly e suo compagno di sventure nelle "Wacky Races" e plurimedagliato componente dello sfigatissimo "Squadrone Avvoltoi".... Due serie a cartoni mitiche di Hanna-Barbera dei primi anni settanta caratterizzate più o meno dallo stesso nucleo di base di protagonisti. Partiamo dalla più vecchia; le "Wacky Races" (1968) raccontano le corse pazze di undici strane automobili guidate da altrettanti strani ed insoliti piloti. Tra i tanti partecipanti di queste competizioni Dick Dastardly, concorrente sempre pronto alla furbata e alla scorrettezza pur di vincere, è la caricatura del cattivo eternamente perdente. A suo fianco nella vettura 00 il suo cane Muttley, opportunista, cinico e sadicamente sempre pronto a farsi una sana ghignata alle spalle del suo padrone e delle sue sventure... Accanto al duo principale i cavernicoli Fratelli Slag, Big&Little Gruesome (alla guida del Diabolico Coupè),lo scienziato pazzo Pat Pending, l'asso Red Max, la sventola Penelope Pitstop, il gruppo della macchina "Armata Speciale", la banda di Clyde, l'insetto scoppiettante di Luke, il fighetto Luke Perfect e il boscaiolo Rufus Ruffcut. Diciassette puntate,due corse per puntata: tutte da scassarsi dalle risate.... Introdotte da una sigla molto particolare, che contiene come "guest star" la voce di Ferruccio Amendola (n.d.r. il video seguente potrebbe andare a scatti, ma è l'unico sul tubo):





La seconda serie "Lo Squadrone avvoltoi" o "Dastardly and Muttley in Their Flying Machines" è del 1969 e nasce come spin off delle "Wacky Races". In questa serie Dastardly e Muttley sono alla guida di uno strampalato squadrone di aviatori che a bordo di assurdi aereoplani cercano di catturare il piccione viaggiatore Yankee Doodle, il postino volante del nemico.
Alla carica sulle note della canzone "Stop the pigeon" ("Fermate il piccione!") , lo Squadrone Avvoltoi formato anche da Zilly (il timido, unico traduttore di Klunk) e Klunk (inventore delle strampalate macchine volanti che parla in un linguaggio incomprensibile...) si lancia in 34 avventure alla caccia di Yankee Doodle, fallendo sempre miseramente. In ogni episodio immancabilmente Dastardly precipita miseramente, in qualche caso salvato dalla coda rotante di Muttley che in cambio del salvataggio del padrone "batte cassa" chiedendo una doverosa medaglia per l'intervento... e quando il salvataggio non riesce Muttley si fa una ghignata e il suo padrone si schianta miseramente a terra, subendo anche gli insulti dell'oscuro Generale... Assurdo e geniale!


 
Di DL4U (del 08/11/2007 @ 22:13:18, in Fumetti e cartoni alternativi, linkato 5006 volte)


Ehilà Beppe!!

I lettori poco ferrati in materia “lupestre” si chiederanno la ragione dei titolo, i frequentatori abituali o occasionali delle vicende della Fattoria MacKenzie avranno sicuramente riconosciuto il tipico saluto rivolto da Enrico La Talpa al protagonista di questo post: Lupo Alberto. Riprendiamo il discorso dei “fumetti alternativi” soffermandoci questa volta sulla più famosa ed importante creazione di Guido “Silver” Silvestri. Il lupastro blu mio omonimo nasce nel febbraio 1974 e fa il suo debutto in società sulle pagine del “Corriere dei Ragazzi” in formato di strisce periodiche; dieci anni dopo apparizioni nascono i primi albi mensili dedicati al personaggio e in formati più o meno simili sono tutt’ora pubblicati e presenti nelle edicole.

Dopo questa breve introduzione addentriamoci nel microcosmo di Lupo Alberto e dei personaggi delle sue storie. Sfigato, anarchico, pigro, perennemente disoccupato e affamato il nostro Lupo vive nel bosco sulla collina che sovrasta la Fattoria MacKenzie in un piccolo angolo tra gli alberi arredato di con materiale di fortuna (uno scalcinato comò, una bagnarola per le esigenze personali …) e collegato al resto del mondo con un preistorico telefono “old style” attaccato ad un tronco. Laggiù. a valle del bosco, c’è invece tutto il mondo dove si svolgono le avventure del nostro protagonista ovvero i fienili e le casette che costituiscono la fattoria (che potremmo definire citando Orwell “degli animali”) McKenzie.

C’è Mosè, cane da guardia grande, grosso e bonario finchè qualcuno (Alberto) non gli fa girare i “santissimi”. C’è Marta la gallina svampita e casalinga fidanzata di Alberto, da sempre alla ricerca del metodo per incastrare il suo sfuggente lupastro nella rete del matrimonio.

Accanto a questo terzetto di base ruotano via via personaggi, dapprima di contorno e poi col passare degli anni e delle strisce sempre più definiti: Alcide il maiale, il più colto e sensibile della fattoria, il papero Glicerina (tonto ma simpatico nipote di uno “papero come lui” che lavora nei cartoni animati in America). Alfredo il tacchino eclettico che sparisce sempre dalla fattoria durante le feste di Natale, quando teme di partecipare al cenone in veste di portata. Alice, la gallina chiatta e inquartata migliore amica di Marta, sempre alla prese con problemi d'amore e di linea. Alice è una femminista della prima ora, sempre critica verso gli uomini... forse perché non riesce ad averne uno per sé e forse perché riesce ad imbastire improbabili fidanzamenti “lampo” con personaggio diametralmente opposti a lei. Alice ha la particolarità di andare in "fregola sessuale" ogni primavera e per questo insidia oscenamente tutti i maschi (Odoardo, Mosè, Alberto, Enrico, Il Dottore, etc.) che le capitano a tiro senza mai riuscire a "concludere". Ludovico il cavallo, sogna di vincere il derby di trotto. Krug il toro, irascibile e violento, non parla grugnisce. È l'unico che, data la sua stazza, non riceve punizioni o rimproveri da parte di Mosè, che lo teme. Omar il gallo, paradossalmente attanagliato da terribili sensi di colpa perché col suo "chicchiricchi" mattutino, sveglia gli abitanti della fattoria (vita dura quella del gallo…) .

Un paragrafo a parte invece è da dedicare ad Enrico La Talpa, nato come personaggio di contono e via via devenuto comprimario di moltissime strisce e gag con Lupo Alberto. Enrico è l’esatto opposto di Alberto: un individuo meschino, avido, pervertito, che gira attorno alla giovane passera Silvietta, una passera scopaiola ignorando la moglie Cesira (definibile come una tipica pettegola e popolana “desperate housewife” all’italiana).

Enrico, talpa di nome e di fatto, data la vista precaria fin dalle primissime strisce ha scambiato Alberto per il suo amico Beppe (memorabile il saluto “Ehilà Beppe !!” rivolto costantemente e ostinatamente ad Alberto), è sempre pieno di idee per raggirare gli ingenui abitanti della fattoria per spillare qualche guadagno, soprattutto in veste di "astrologo-cartomante". La figura di Enrico ha assunto negli anni una dimensione indepiendente, riuscendo così a dare vita a storie da protagonista; Enrico in coppia con moglie Cesira inscena spesso quadretti casalinghi sulla falsariga di Casa Vianello.

Enrico è la rappresentazione dell'uomo medio di mezza età: impiegato, prossimo alla pensione ma ancora con ridicole velleità da "giovanotto": la voglia della "scappatella", gli amici al biliardo, l'odio (ricambiato) per la suocera, le frustrazioni dell'ufficio, il desiderio di una carriera ormai impossibile.

Enrico spesso travolge il malcapitato Alberto in assurde macchinazioni che si concludono quasi immancabilmente in disastri. Spesso riversa su Alberto le proprie frustrazioni, agevolandolo o addirittura convincendolo a fare delle cose che lui non può più fare, a causa dell'età o della moglie.

Ed infine Silvietta, La Passera Scopaiola (ogni doppio senso è ovviamente voluto dal buon Silver). Rappresenta una adolescente studiosa modello, vittima delle avances sentimental-sessuali di quel “maiale” di Enrico, che viene puntualmente stroncato con salaci commenti.

Le strisce di Lupo Alberto non sono solo materiale per giovani: nelle storie e negli atteggiamenti dei personaggi ricorrono frequentemente tematiche sociale e spesso è riscontrabile una satira politica evidente. Emblematica è la contrapposizione tra Alberto ed Enrico. Il primo rappresenta il classico giovane idealista, un po' anarchico e ribelle, mentre il secondo è lo stereotipo del politico che promette grandi cose, avido di potere e denaro, decisamente contro ogni tendenza giovanile.

Precario e disoccupato, ingenuo e sognatore, disilluso e incapace di impegnarsi per la vita, Alberto è la perfetta rappresentazione un ragazzo trent’enne di oggi e nelle sue storie facilmente i suoi coetanei (come il sottoscritto…) si ritrovano e si riscoprono.


Enrico la Talpa viceversa è una macchietta dell’omuncolo di mezza età: impiegato scazzato, represso nelle voglie; rozzo e profittatore che non si fa troppi scrupoli nel prendersi gioco del prossimo.

Non ritengo del tutto fuori luogo l’interpretazione recente secondo la quale Enrico la Talpa viene rappresentato con atteggiamenti, modi di dire, e addirittura sembianze fisiche tipici di Silvio Berlusconi.

In una delle sue tante vicende, Enrico fonda un movimento, volto a raddrizzare i decadenti costumi della società italiana degli anni '70. Il nome del movimento e': "Bravi Ragazzi", BR. Il simbolo scelto ad identificare il movimento dei "BR" è una stella rossa a 5 punte. Enrico e Alberto si recano in città a presentare il loro movimento ma vengono accolti da gente terrorizzata che scappando, gli lancia portafogli ed altri oggetti di valore pur di avere salva la vita. Evidentissimo il riferimento alle "vere" BR, cioè le Brigate Rosse.

Guido "Silver" Silvestri

Lupo Alberto di Silver (caso emblematico di identificazione di un disegnatore nel proprio personaggio) è per questi motivi e per tanti altri il caso di un fumetto tipicamente “italiano” : ovvero un racconto dei vizi e delle virtù tipiche del nostro paese. Nonostante non venga mai dato un contesto geografico alla contea dove sono ambientate le storie del Lupo, è evidente che il piccolo mondo della Fattoria non è nient’altro che lo specchio della nostra società e dell’Italia in generale.

La fattoria dei Mackenzie è una fattoria di animali in cui l'uomo non si vede mai come nei Peanuts non si vedono mai gli adulti. A differenza dei bambini di Charles Schultz, in questo caso sono animali di Silver che si sobbarcano la responsabilità di rappresentarci, di mettere a nudo pregi e meschinità umane.

Le avventure del Lupo Alberto contengono un po’ di tutto come nella vita reale: sentimenti, politica, critica sociale e di costume, problemi sociali e personali, diritti civili. Il tutto trattato con uno stile irresistibilmente comico, satirico e irriverente.

Così ,di storia in storia, Lupo Alberto è cresciuto acquisendo autorevolezza (come non ricordare il suo faccione in mille campagne sociali di lotta all’AIDS) e unanime simpatia tra i ragazzi della sua età e tra le generazioni più giovani: per i primi il “lupastro” non è altro che un coetaneo in cui rispecchiarsi, per gli altri il tipico fratello maggiore “già scafato” che insegna attraverso le sue esperienze di vita.

 
Di DL4U (del 18/10/2007 @ 00:05:13, in Fumetti e cartoni alternativi, linkato 6201 volte)
mafalda: potere ai piccoli...

Un'immagine ricorrente: Mafalda che scruta e parla col mappamondo,
una metafora della critica verso la socita' contenuta nei fumetti di Quino.


Sono passati quasi quarant’ anni dal 1969, anno in cui venne pubblicato per la prima volta in Italia un volume dedicato a Mafalda, la bambina contestataria nata dalla matita di Quino (al secolo Joaquin Salvador Lavado ) geniale disegnatore di fumetti argentino.

Negli anni dei Beatles, del conflitto in Vietnam, della guerra fredda tra gli opposti schieramenti, della contestazione giovanile e culturale, Mafalda riflette e si arrabbia contro le storture del mondo e pone imbarazzanti domande ai genitori. Mafalda è una bambina che pensa e dice quello che pensa, che rivolge quesiti a cui gli adulti che la circondano sistematicamente non danno una risposta, che vive in una famiglia medio borghese intrecciando continuamente il microcosmo costituito da casa, scuola e parco giochi con gli scenari e le notizie internazionali. Attraverso gli occhi disincantati di Mafalda, Quino sottolinea gli errori e le irrazionalità che ormai non riusciamo (o non vogliamo) più a vedere coi i nostri occhi di adulti cresciuti distratti dalle mille difficoltà della vita o omologati nella grigia e meccanica quotidianeita ’ di ogni giorno.


Mafalda rivolge domande a tutti: i suoi genitori sono i più frequenti bersagli, ma il più parte delle volte non riceve risposte, alle sue questioni che spesso sono di tale importanza e complessità da risultare imbarazzanti sulla bocca -e nella mente- di una bambina. Rifugge con forza il qualunquismo culturale, la marmellata di idee della società moderna, e le arroganze dei sistemi economico-politici, si scaglia con forza contro le sterili opposizioni e sconvolge la relazione tra bambino e adulto contestando il rapporto univoco, i “ grandi “ detengono il potere e possiedono le verità, mentre i piccoli sono come dei contenitori assolutamente passivi da riempire. Mafalda, sfuriata dopo sfuriata, rivendica i sacrosanti diritti di ogni bambino di avere una propria visione della vita e del mondo, di avere una propria coscienza, di ricevere informazioni e spiegazioni ragionevoli ai propri dubbi esistenziali.

“La bambina contestataria”, come venne definita a Umberto Eco nella prefazione di quel libro, mette a nudo le debolezze e le incapacita’ degli adulti sino ridicolizzarli; ma la critica non è mai fine a se’ stessa: il messaggio che passa è quello per cui i grandi sono coloro che pretendono obbedienza ed esercitano varie forme di autorità, ma che nel medesimo tempo vengono sottomessi dalla societa’ ad un giogo che detta regole, doveri e necessità. I grandi non sono da colpevolizzare, ma da comprendere: spesso si sentono inadeguati, vinti e vivono contraddizioni interiori più radicali proprio perche’ irrimediabilmente adulti e per questo motivo hanno bisogno di affetto, di protezione, sono vulnerabili e fragili.

La polemica di Mafalda è sempre costruttiva e finalizzata orientata a mostrare che il conformismo, l’appiattimento culturale non è (e non deve essere) l’unica via possibile: Mafalda possiede, come tutti i bambini e come ogni persona, un altro punto di vista, un altro modo di conoscere e percepire che vuole essere ascoltato e non represso. Un insegnamento drammaticamente utile per tutti noi che troppo spesso ci lasciamo travolgere senza reagire dalla vita di ogni giorno, che contestiamo in modo sterile senza proporre, che attendiamo il divenire dei fatti o dei giorni senza partecipare arroccati come siamo alle nostre piccole e fatue certezze cercando così di celare agli altri, e soprattutto a se stessi, le nostre insicurezze e debolezze.

Questo sarà il primo di alcuni post dedicati a personaggi dei fumetti “alternativi”.

Ringrazio chi tanto tempo fa mi fece scoprire la raccolta “ Dieci anni con Mafalda ” edita da Bompiani (1975) e che ancora oggi conservo gelosamente nella mia libreria…

 

 

 

 

 
Pagine: 1
Ci sono 40 persone collegate

< novembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Amenitą e altre "patacate" miste (14)
Appunti (22)
Archeologia Informatica (3)
Cinema (11)
Fumetti e cartoni alternativi (3)
Impegno sociale (16)
Informatica,tecnologia,hacking (33)
Letture (9)
Musica, testi, citazioni, canzoni (58)
My Seventies (3)
Passions (19)
Pensieri, riflessioni e sfoghi... (27)
Viaggi e giornate da ricordare (12)

Catalogati per mese:
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019

Gli interventi pił cliccati

Ultimi commenti:
...
15/12/2010 @ 08:51:13
Di air jordans

Titolo
Scorci (7)

Le fotografie pił cliccate

Titolo
Nessun sondaggio disponibile.

Titolo
Questo blog supporta



______________________________
Letture...

J.D. Salinger
Il giovane Holden
(The catcher in the rye)
EinaudiEditore



______________________________

Daniele Biachessi
La Fabbrica dei Profumi
Baldini e Castoldi Editore

La Fabbrica dei Profumi - D. Biachessi







__________________________

Musica...

Vasco Rossi - Dillo alla luna (1990)

Ben E. King - Stand by me (1961)

Queen - Bohemian Rhapsody (1975)

U2 - Pride (In the name of love) (1984)




__________________________

Profilo Facebook di Alberto Visconti

My status


Titolo
SITI AMICI



19/11/2019 @ 08:52:26
script eseguito in 86 ms