Immagine
 Un gabbiano a pelo d'acqua sul Ticino... di DL4U
 
"
"Un giorno, guidati da stelle sicure, ci ritroveremo in qualche angolo di mondo lontano,nei bassifondi, tra i musicisti e gli sbandati o sui sentieri dove corrone le fate"

Modena City Ramblers - Ninna Nanna - 1994
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di DL4U (del 27/12/2008 @ 20:44:36, in Amenità e altre "patacate" miste, linkato 563 volte)
Sono Skipper, Kowalski, Soldato e Rico: sono quattro pinguini.Sicuramente li ricorderete per la loro interpretazione nel film di animazione "Madagascar" (Dreamworks Animation, 2005), forse li rivedrete nel seguito presente in questi giorni nelle sale cinematografiche. Pochi di voi però sapranno che in realtà sono stati protagonisti anche di un breve cortometraggio (11 minuti) tutto loro proprio dedicato al Natale. Il titolo è "Pinguini di Madagascar in Missione Natale" ("The Madagascar Penguins in a Christmas Caper")  Il filmato è presente come contenuto speciale della versione deluxe del dvd originale del primo film: ve lo propongo di seguito (o nella mia bacheca se vedete il post da Facebook)... e buone feste!


Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di DL4U (del 25/12/2008 @ 11:08:48, in Appunti, linkato 621 volte)

Tanti auguri a tutti di buon Natale!

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di DL4U (del 15/12/2008 @ 23:03:22, in Musica, testi, citazioni, canzoni, linkato 621 volte)
In questi giorni mi piace riascoltare un po' di buona musica soul e R&B. Rispolverando un po' di classici ri-ascoltatevi questo capolavoro di semplicità. Parte strumentale ridotta a minimo: giusto un po' di percussioni, qualche fiato e una voce fa tutto il resto. Un sound struggente, che a distanza di 40 anni conserva ancora tutta la sua carica innovativa. Siamo nel '68, anno di grandi cambiamenti nella società e nel mondo: ovunque freme la voglia di rompere col passato ma nessuno sa ancora dove questa rivoluzione porterà. Il tutto visto attraverso la metafora dell'uomo che, perdendo il proprio amore, perde qualsiasi certezza avuta fino ad allora e si trova catapultato in un realtà sconosciuta. A raccontarci questo passaggio visto come una voce tra i filari di un vigneto, il Principe del Soul Marvin Gaye,  e la  sua voce intensa e  inconfondibile.



I heard it through the grapevine
Marvin Gaye
(Album "In the groove", 1968)




(chi vede da Facebook, faccia click su mostra post originale per vedere il video)

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di DL4U (del 15/12/2008 @ 18:05:32, in Impegno sociale, linkato 732 volte)
Come molti di voi sapranno sabato scorso - 13 dicembre 2008 - è stato compiuto il viaggio inaugurare della prima tratta di vera alta velocità  ferroviaria italiana. Il treno superveloce, denominato "Freccia Rossa" è partito alle 16 dalla rinnovata stazione Centrale di Milano ed è arrivato alla stazione Centrale di Bologna in orario dopo soli 65 minuti. Grande pompa magna tra i parrucconi delle Ferrovie dello Stato e politici politicanti presenti sul convoglio, idem nei servizi sui TG. Peccato che nessuno abbia ricordato come l'Italia sia arrivata a questo risultato: anni di lavoro, costi al chilometro di realizzazione delle linee decuplicati rispetto agli standard europei, morti sul lavoro nei cantieri, e tempi di realizzazione allucinanti... e che il primo tratto di AV venga aperto al pubblico in Italia solo adesso da buoni ultimi come sempre dopo Francia, Germania, UK, Spagna che pur in qualche caso partendo dopo di noi sono arrivati ad avere una rete veloce ed operativa ben prima del belpaese. Vabbè ...direte... il solito sfogo per come girano le cose in Italia, ecc, ecc... Beh, non proprio ecco di seguito cosa pubblicano oggi i siti di informazione, se non c'è da rabbrividire, diciamo che che c'è abbastanza per inc@zzarsi. Lo dice uno che sui treni pendolari ha passato almeno 10 anni della vita di studente e lavoratore: forse sarebbe meglio che prima di portare i treni alle alte velocità le FS riuscissero al farli almeno partire ed arrivare senza ritardi o disservizi!




Primo giorno, s'inceppa il Freccia Rossa: "Fermi al freddo per quasi due ore"
(da Quotidiano.net  del 15/12/2008)

Guasto alla motrice sulla tratta Roma-Napoli. Adiconsum: "Passeggeri lasciati senza riscaldamento e senza elettricità anche nel servizio bar"

Alta velocità: il treno Freccia rossa in partenza da Milano (Foto Newspress) Milano, 15 dicembre 2008 - Disagi sul treno alta velocità Freccia Rossa e scattano le prime richieste di risarcimenti. “Gli avvocati del Centro giuridico Adiconsum - si legge in una nota dell’associazione dei consumatori - in viaggio per Napoli questa mattina ci hanno segnalato che il treno ad alta velocità su cui viaggiavano è rimasto fermo per circa un’ora e mezza in aperta campagna all’altezza di Gricignano, lasciando i malcapitati passeggeri senza riscaldamento e senza elettricità anche nel servizio bar”.

”La causa - prosegue il comunicato Adiconsum - è un guasto alla locomotrice. Si precisa che il treno era partito già singhiozzando da Roma Termini. L’arrivo a Napoli, previsto per le ore 8.36, è invece avvenuto alle ore 10.40. Adiconsum chiede a Fs un adeguato risarcimento per i viaggiatori e che quanto accaduto oggi sia soltanto un imprevisto.

L’associazione Codici sottolinea i guasti nel primo giorno di servizio e racconta: "Molti viaggiatori, in particolare professionisti con appuntamenti improrogabili, hanno chiesto al capo treno di scendere e di percorrere a piedi il tratto sul selciato per arrivare fino alla stazione e prendere altri mezzi per raggiungere Napoli. La richiesta è stata respinta e sono seguiti momenti di tensione, con il capo treno che ha chiesto l’intervento del 113”.

Problemi anche per un altro treno Freccia Rossa, secondo quanto riferiscono altri passeggeri su un convoglio AV in servizio sulla stessa linea da Roma a Napoli, è fermo all’ingresso della stazione di Gricignano d’Aversa per lavori di ripristino della linea.

”E’ inaccettabile che treni inaugurati ieri arrivino già in ritardo a causa di guasti tecnici, tanto più che il costo del biglietto è decisamente alto: un viaggio Milano-Roma costa 98 euro in prima classe, 71 in seconda”, dichiara il Segretario Nazionale di Codici Ivano Giacomelli. E aggiunge: “I viaggiatori che hanno subìto un disagio si possono rivolgere al Codici per ricevere un aiuto concreto nel chiedere a Trenitalia il rimborso del biglietto e il risarcimento del danno”.

Esattamente le stesse cose e gli stessi guasti che accadono ogni giorno sui treni pendolari, con la differenza che per i disgraziati che ci viaggiano e con quei mezzi cercando di andare a  studiare o lavorare non c'è nemmono l'ombra di un eventuale rimborso.

Un "reduce" della linea Milano-Domodossola

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di DL4U (del 12/12/2008 @ 23:00:00, in Impegno sociale, linkato 838 volte)

Accadde oggi. Milano, ore 16.37 del 12 dicembre del 1969, la grande città è gia avvolta dal buio invernale appena un poco illuminato dalle prime luminarie del Natale che verrà. D'improvviso quella placida tranquillità di una sera come tante viene squarciata da un orrendo boato: in pieno centro, in Piazza Fontana, alla filiale della Banca Nazionale dell’Agricoltura esplode una bomba, muoiono 17 persone e altre 88 restano ferite, alcune anche in modo grave. Da quell'istante, Milano e l'Italia intera non furono più le stesse. Sono arrivati in un istante gli anni di piombo. Nello stesso giorno una seconda bomba viene ritrovata alla Banca Commerciale Italiana sempre a Milano, inesplosa. A Roma alle 16.55, dopo pochi minuti esplode una bomba nel sottopassaggio tra via Veneto e via San Basilio vicino alla Banca Nazionale del Lavoro, i feriti sono 13.  Alle 17.20 e alle 17.30 sempre nella capitale esplodono altri due ordigni, il primo davanti all’Altare della Patria, il secondo a Piazza Venezia, altri quattro feriti si sommano ad una giornata di vera e propria battaglia eversiva.  In poco meno di un’ora lo Stato viene ferito per ben cinque volte. Gli autori di quella strage e di quel progetto eversivo non si riuscirono mai a trovare.  Il primo ad essere arrestato nello stesso giorno dell’esplosione è Giorgio Pinelli, anarchico milanese che dopo tre giorni di Questura cade dal quarto piano degli uffici e muore. Il 16 dicembre viene arrestato Pietro Valpreda, ma anche stavolta nulla di concreto. Sette processi serviranno solo ad assolvere i vari accusati, mentre taluni esponenti dei Servizi Segreti (individuati poi da Aldo Moro durante le sue deposizioni dalla prigione alle Brigate Rosse, come i veri colpevoli della strage) saranno condannati per vari depistaggi. Piazza Fontana è stata definita  "la madre di tutte le stragi", da quel momento il paese si svegliò dal torpore degli anni '60 per piombare nel periodo delle lotte poliche, delle violenze, della guerriglia combattuta nelle strade, del terrorismo. Nel 2009 ricorreranno i 40 anni di uno dei tanti “segreti eterni” italiani, di uno dei troppi muri di gomma di questo paese.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di DL4U (del 10/12/2008 @ 21:28:21, in Musica, testi, citazioni, canzoni, linkato 2094 volte)
James Joplin  and  The Big Brother and the Holding Company
Piece of My Heart
Album "Cheap Thrills",  agosto 1968
______________________________________________________



(Come on…)
Didn't I make you feel like you were the only man, well yeah,
An' didn't I give you nearly everything that a woman possibly can ?
Honey, you know I did!
And each time I tell myself that I, well I think I've had enough,
But I'm gonna show you, baby, that a woman can be tough.

I want you to come on, come on, come on, come on and take it,
Take another little piece of my heart now, baby, (break a..)
Break another little bit of my heart now, darling, yeah. (have a..)
Hey! Have another little piece of my heart now, baby, yeah.
You know you got it if it makes you feel good,
Oh yes indeed.

You're out on the streets looking good, and baby,
Deep down in your heart I guess you know that it ain't right,
Never never never never never never never hear me when I cry at night.
Baby, I cry all the time!
And each time I tell myself that I, well I can't stand the pain,
But when you hold me in your arms, I'll sing it once again.

I'll say come on, come on, come on, come on, yeah take it!
Take another little piece of my heart now, baby. (break a..)
Break another little bit of my heart now, darling, yeah, (come on…)
Have another little piece of my heart now, baby, yeah.
Well, You know you got it, child, if it makes you feel good

Guitar

I need you to come on, come on, come on, come on and take it,
Take another little piece of my heart now, baby. (break a…)
Break another little bit of my heart, darling, yeah. (have a)
Have another little piece of my heart now, baby,
You know you got it (waaaaahhh)
Take a…Take another little piece of my heart now, baby. (break a…)
Break another little bit of my heart, and darling, yeah yeah (have a)
Have another little piece of my heart now, baby,
You know you got it, child, if it makes you feel good
______________________________________________________

Janis Joplin - Piece of My Heart (Live in Stockholm 1969)

(se siete su Facebook cliccate su mostra post originale per vedere e ascoltare Janis)



Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di DL4U (del 10/12/2008 @ 10:35:56, in Appunti, linkato 672 volte)
Ecco quanto vedevo stamattina dalla finestra di casa mia verso le 7.00 ...


Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di DL4U (del 08/12/2008 @ 21:14:30, in Informatica,tecnologia,hacking, linkato 1358 volte)

Qualche tempo fa presentai sulle pagine di questo blog Zeroshell, un'interessante distribuzione Linux di origine italiana destinata a fornire i principali servizi di rete di cui una LAN necessita. Un'idea interessante per riciclare un vecchio pc x86 trasformandolo in pochi passi in un completissimo e potente router di rete e server dhcp-dns-proxy-vpn.  Esistono diverse distribuzioni (più o meno complete) pensate per queste finalità, ma in realtà ben poche di facile installazione e di semplice gestione attraverso una comune interfaccia web.  In questi giorni ho trovato un interessante alternativa a Zeroshell dalle potenzialità simili se non superiori; si tratta di un prodotto ancora una volta italiano, destinato a sistemi embedded, ad appliance dedicati (quindi veri e propri firewall hardware) e a normalissime macchine PC x86: Endian Firewall Software Edition trasforma un qualunque computer in una completa appliance di rete capace di fornire servizi integrati di routing (su connettività lan, adsl, pppoe, isdn..), stateful inspection firewall, VPN (OpenVPN), gateway anti-virus, anti-spam, web security e email content filtering. Il tutto con requisiti hardware molto modesti (e quindi ideali per rispolverare dalla cantina il nostro vecchio pc ormai abbandonato con paio di dita di polvere sopra):

CPU: Intel x86 compatibile (500MHz minimo, 1GHz raccomandato), inclusi VIA, AMD Athlon, Athlon 64, Opteron, Intel Core 2 Duo, Xeon, Pentium e Celeron RAM: 256MB minimo (512MB raccomandato) Disco: necessario un Hard Disk SCSI, SATA, SAS o IDE (40GB minimo), due identici se si vule supporto per RAID 1 Schede di Rete: sono supportate le più comuni schede di rete incluse Gigabit e fibra ottica Monitor/tastiera e lettore cd: sono richiesti esclusivamente per l'installazione.

A differenza di altre distribuzioni Endian non è eseguibile in forma "live" ma deve essere necessariamente installato su un disco rigido che può essere anche ridondato in mirror RAID 1. E' gestibile via interfaccia web, via testuale dalla tastiera e mouse ed addirittura via seriale con console telnet (come un qualsiasi router vero). E' interessante sottolineare la predispozione di Endian all'autentificazione dei servizi integrata con Windows, le Active Directory e le group policies. La dotazione di Endian si completa infine con l'accesso via SNMP per il monitor in tempo reale di tutti di dati d'utilizzo del prodotto e dei servizi e semplici procedure di backup e restore delle configurazioni. Tutte le caratteristiche del prodotto sono presentate in questo completo datasheet  mentre la ISO bootable di Endian 2.2. RC 3 è scaricabile da questa pagina (circa 90 MB). In questo pdf invece vi mostro alcune schermate dimostrative dell'interfaccia web del prodotto così come le ho catturate in una veloce sessione di prova su macchina virtuale  VMWare.  Completo e consigliato!

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di DL4U (del 04/12/2008 @ 22:09:33, in Amenità e altre "patacate" miste, linkato 788 volte)



Il tecnico chiamato arriva per riparare il computer guasto. Seduto di fronte allo schermo, preme un paio di tasti, asserisce con la testa,  mormora qualcosa a se stesso e spegne il computer. A quel punto estrae un piccolo cacciavite dalla tasca e da' un giro e mezzo ad una minuscola vite. A questo punto, accende il computer e verifica che funziona perfettamente.

Il presidente dell'azienda e' felicissimo e si offre di pagare il conto immediatamente.

"Quanto le devo?" chiede.
"Sono Mille Euro, grazie" risponde l'ingegnere.
"Mille Euro? Mille Euro per pochi minuti di lavoro?
Mille Euro per stringere una semplicissima vitina?
Mi rendo conto che il computer vale 50.000 di Euro,
ma mille Euro mi sembra una cifra veramente esagerata.
Pagherò solamente se mi manderà una fattura dettagliata
che giustifichi una cifra del genere." controbatte il presidente

L'ingegnere acconsente con un cenno e se ne va. Il mattino dopo il presidente riceve la fattura, la legge attentamente, asserisce con la testa e la paga immediatamente, senza una lamentela.

La fattura diceva:
 
Servizi effettuati:

- Avvitamento di una vitina: EURO 1
- Sapere quale vitina avvitare: EURO 999

(Trovata su Facebook...  un piccola rivalsa per tutti noi che sanno cosa vuol dire passare un sabato o una domenica formattando un fottutissimo computer impestato di pitoni ...: - D : - D)  
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di DL4U (del 02/12/2008 @ 23:03:09, in Musica, testi, citazioni, canzoni, linkato 927 volte)
In questi giorni il fedele muletto sta lavorando alacremente nel recuperare contenuti musicali, con una decisa propensione per la discografia di Neil Young, per soddisfare alcune richieste specifiche (chi legge sa ; - ) )... questa ricerca mi ha permesso di scoprire un piccolo retroscena che incrocia le vicende di Young con quella del gruppo Lynyrd Skynyrd e le storie di due loro canzoni, rispettivamente "Alabama" e "Sweet home Alabama". Il primo brano vede la luce con l'album del 1972 "Harvest", registrato da Young a Nashville con gli Stray Gators (composti ai tempi da Ben Keith, Tim Drummond, Kenny Buttrey, Linda Ronstadt e James Taylor); il testo della canzone è una lunga invettiva antirazzista che, assieme "Southern Man", rappresenta un potente atto di accusa contro i "sudisti" americani. Nelle liriche di "Alabama" si legge infatti: «Alabama, you've got a weight on the shoulder that's breaking your back/ your cadillac has got a wheel in the ditch and a wheel on the track» (traducendo liberamente  suona un po' così "Alabama, hai un peso sulla spalle che ti sta spezzando la schiena /  la  tua  Cadillac ha ormai una ruota nel fosso e una ruota sulla strada").  Il secondo brano nasce nel 1974 come risposta del gruppo southern Lynyrd Skynyrd alle accuse di razzismo fatte da Young tanto che nei suoi versi si legge esplicitamente: «spero che Neil Young lo ricordi, un uomo del sud non ha bisogno di lui». Il brano ebbe notevole successo tanto da salire sino all' 8° posto della classifica musicale americana e divenire un classico della canzone "on the road" e colonna sonora di svariate produzioni cinematografica. Nonostante questa apparente diatriba , in realtà Neil Young ha più volte dichiarato di apprezzare "Sweet Home Alabama" e di essere un fan di Ronnie Van Zant, cantante storico dei Lynyrd Skynyrd; Occasionalmente Young ha anche cantato "Sweet Home Alabama" in qualche suo concerto mentre nel contempo Van Zant spesso indossò sul palco dei concerti una maglietta con l'immagine di Neil Young. I Lynyrd Skynyrd per un certo periodo tentarono di organizzare un concerto insieme a Neil Young nel quale il cantante canadese, durante l'esecuzione di "Sweet Home Alabama", avrebbe dovuto dire "un uomo del sud non ha bisogno di me intorno", ma a causa della morte  di Van Zant (avvenuta il 20 ottobre del 1977 in un incidente aereo) il concerto non venne mai organizzato. A distanza di tanti anni i due brani suscitano ancora interesse tanto da essere ripresi in vario modo nel cinema internazionale (troviamo citazioni in "Non aprite quella porta", "Con Air", "I Simpson", "Allarme rosso", "Forrest Gump" e nell'italianissimo "Radiofreccia") e in diverse produzioni musicali (una cover unplugged dei Nirvana e su tutte il brano "All summer long" di Kid Rock dove, nel ritornello, si cita esplicitamente S.H.A.).  Con tutte le controversie tipiche degli States (democratici vs. repubblicani, sudisti contro nordisti, stars and stripes vs. bandiera confederata, e così via...) a voi il video originale di un live del 1974 del brano dei  Lynyrd Skynyrd... beh.. il sound tipico US style regge ancora di brutto a distanza di tanti anni, non c'è che dire.

(se visto da Facebook, cliccare su "mostra post originale" per vedere il video)

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23
Ci sono 14 persone collegate

< settembre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
       
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Amenità e altre "patacate" miste (14)
Appunti (22)
Archeologia Informatica (3)
Cinema (11)
Fumetti e cartoni alternativi (3)
Impegno sociale (16)
Informatica,tecnologia,hacking (33)
Letture (9)
Musica, testi, citazioni, canzoni (58)
My Seventies (3)
Passions (19)
Pensieri, riflessioni e sfoghi... (27)
Viaggi e giornate da ricordare (12)

Catalogati per mese:
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
...
15/12/2010 @ 08:51:13
Di air jordans

Titolo
Scorci (7)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Nessun sondaggio disponibile.

Titolo
Questo blog supporta



______________________________
Letture...

J.D. Salinger
Il giovane Holden
(The catcher in the rye)
EinaudiEditore



______________________________

Daniele Biachessi
La Fabbrica dei Profumi
Baldini e Castoldi Editore

La Fabbrica dei Profumi - D. Biachessi







__________________________

Musica...

Vasco Rossi - Dillo alla luna (1990)

Ben E. King - Stand by me (1961)

Queen - Bohemian Rhapsody (1975)

U2 - Pride (In the name of love) (1984)




__________________________

Profilo Facebook di Alberto Visconti

My status


Titolo
SITI AMICI



19/09/2020 @ 19:35:35
script eseguito in 124 ms