Immagine
 Un gabbiano a pelo d'acqua sul Ticino... di DL4U
 
"
"Un giorno, guidati da stelle sicure, ci ritroveremo in qualche angolo di mondo lontano,nei bassifondi, tra i musicisti e gli sbandati o sui sentieri dove corrone le fate"

Modena City Ramblers - Ninna Nanna - 1994
"
 
\\ Home Page : Storico : Musica, testi, citazioni, canzoni (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di DL4U (del 14/10/2010 @ 00:23:12, in Musica, testi, citazioni, canzoni, linkato 847 volte)
Io vorrei... non vorrei... ma se vuoi...
Lucio Battisti
(1972)

Dove vai quando poi resti sola
il ricordo come sai non consola
Quando lei se ne andò per esempio
Trasformai la mia casa in tempio
E da allora solo oggi non farnetico più
a guarirmi chi fu
ho paura a dirti che sei tu
Ora noi siamo già più vicini
Io vorrei non vorrei ma se vuoi

Come può uno scoglio
arginare il mare
anche se non voglio
torno già a volare
Le distese azzurre
e le verdi terre
Le discese ardite
e le risalite
su nel cielo aperto
e poi giù il deserto
e poi ancora in alto
con un grande salto

Dove vai quando poi resti sola
senza ali tu lo sai non si vola
Io quel dì mi trovai per esempio
quasi sperso in quel letto così ampio
Stalattiti sul soffitto i miei giorni con lei
io la morte abbracciai
ho paura a dirti che per te
mi svegliai
Oramai fra di noi solo un passo
Io vorrei non vorrei ma se vuoi

Come può uno scoglio
arginare il mare
anche se non voglio
torno già a volare
Le distese azzurre
e le verdi terre
le discese ardite
e le risalite
su nel cielo aperto
e poi giù il deserto
e poi ancora in alto
con un grande salto
 
Di DL4U (del 16/11/2009 @ 11:42:18, in Musica, testi, citazioni, canzoni, linkato 702 volte)
Ogni caso

Poteva accadere.
Doveva accadere.
E’ accaduto prima. Dopo.
Più vicino. Più lontano.
E’ accaduto non a te.

TI sei salvato perchè eri il primo.
Ti sei salvato perchè eri l’ultimo.
Perchè da solo. Perchè la gente.
Perchè a sinistra. Perchè a destra.
Perchè la pioggia. Perchè un’ombra.
Perchè splendeva il sole.

Per fortuna là c’era un bosco.
Per fortuna non c’erano alberi.
Per fortuna una rotaia, un gancio, una trave, un freno,
un telaio, una curva, un millimetro, un secondo.
Per fortuna sull’acqua galleggiava un rasoio.

In seguito a, poichè, eppure, malgrado.
Che sarebbe accaduto se una mano, una gamba,
a un passo, a un pelo da una coincidenza.

Dunque ci sei? Dritto dall’attimo ancora socchiuso?
La rete aveva solo un buco e tu proprio da lì?
Non c’è fine al mio stupore, al mio tacerlo.
Ascolta come mi batte forte il tuo cuore

Wislawa Szymborska

Nobel per la letteratura 1996
da “Ogni caso”, (Libri Scheiwiller)

dal mio blog  www.dl4u.org/dblog


 
Di DL4U (del 22/06/2009 @ 23:22:32, in Musica, testi, citazioni, canzoni, linkato 696 volte)

DREAMS 



(scritta e cantata da Dolores O' Riordan, pubblicata per la prima volta
nell'album  The Cranberries - Everybody Else Is Doing It, So Why Can't We?  - 1993)


Oh, my life is changing everyday,
In every possible way.
And oh, my dreams, it's never quiet as it seems,
Never quiet as it seems.
I know I've felt like this before
But now I'm feeling it even more,
Because it came from you.
And then I open up and see the person
falling here is me,
A different way to be.

Ah, la da ah...La...

I want more impossible to ignore,
Impossible to ignore.
And they'll come true,
impossible not to do,
Impossible not to do.

And now I tell you openly, you have my
heart so don't hurt me.
You're what I couldn't find.
A totally amazing mind, so
understanding and so kind;
You're everything to me.

Oh, my life,
Is changing every day,
In every possible way.

And oh, my dreams,
It's never quiet as it seems,
'Cause you're a dream to me,
Dream to me.

Ah, da, da da da, da, la...

Oh la mia vita sta cambiando ogni giorno
In ogni modo possibile
E i miei sogni,
non sono mai calmi come sembrano
mai come sembrano
So di essermi sentita così prima
Ma adesso lo sento ancora di più,
Perché è venuto da te.
E allora mi apro e vedo, che la
persona che sta cadendo qui sono io,
Un modo diverso di essere.

Ah, la da ah...La...

Voglio di più, impossibile ignorarlo
Impossibile ignorarlo
E si avvereranno,
impossibile che non avvenga
Impossibile che non avvenga

E ora te lo dico apertamente,
hai il mio cuore perciò non ferirmi
Sei ciò che non riuscivo a trovare
Una mente totalmente sorprendente,
così comprensiva e gentile
Sei tutto per me

Oh la mia vita
Sta cambiando ogni giorno
In ogni modo possibile

E i miei sogni
Non sono mai calmi come sembrano
Perché tu sei un sogno per me
Un sogno per me

Ah, da, da da da, da, la...

 
Di DL4U (del 23/04/2009 @ 16:22:57, in Musica, testi, citazioni, canzoni, linkato 876 volte)

Forse qualcuno di voi avrà notato che, in un recente spot di una nota casa di abbigliamento intimo femminile, c'è una colonna sonora molto particolare: si tratta di una nota canzone da discoteca della fine degli anni '90 ("L'Amour Tojours") rifatta completamente in versione acustica con solo l'ausilio di voce e chitarra. Bhe.. devo dire che già a prima impressione questa rivisitazione in chiave strumentale non mi era affatto dispiaciuta... qundi è bastato poco per una veloce indagine su internet per scoprirne l'autore e un po' di piacevoli retroscena. L'interprete è Sagi Rei (al secolo Sagi Reitan) , musicista e concertista israeliano: dopo diverse con collaborazioni con nomi nomi noti della scena pop e dance italiana, realizza tra il 2005 e il 2007 la raccolta "Emotional Song" (due cd) dove vengono rivisitati in assolo di voce e chitarra (affiancati in alcuni pezzi da pianoforte, archi e percussioni) brani famosi di genere dance, pop, blues, jazz e swing. Il concept innovativo  di Emotional Song ha successo tanto da essere pubblicato in più di 15 nazioni ovunque con successo di critica e pubblico. La cosa interessante in questo progetto musicale è la connotazione totalmente differente e coinvolgente che, brani già noti e famosi, assumono quando rivisti in chiave acustica e strumentale: sposando perfettamente voce e strumento in un sound innovativo e interessante che vi consiglio di ascoltare con attenzione (la raccolta è facimente reperibile sui soliti canali). Ecco la tracklist della raccolta (fra parentesi gli interpreti originali):

CD 1

1.Your loving arms (Billie Ray Martin)
2.All around the world (Lisa Stansfield)
3.Freed from desire (Gala)
4.Right in the night (Jam & Spoon)
5.Rhythm is a dancer (Snap)
6.L'amour toujours (Gigi D'Agostino)
7.Show me love (Robin S)
8.Crazy man (Blast)
9.Free (Ultra Natè)
10.Gypsy rhythm (Raul Orellana)
11.What is love (Haddaway)
12.Wrap me up (Alex Party)

CD 2

1.Gipsy Woman (She's Homeless) (Crystal Waters)
2.I Love to Love (Tina Charles)
3.Promised land (Joe Smooth)
4.Missing (Everything But The Girl)
5.Crying at the Discoteque (Alcazar)
6.Don't Stop Movin' (Livin Joy)
7.Starlight (Supermen Lovers)
8.Sing it Back (Moloko)
9.You Spin Me Round (Like a Record) (Dead Or Alive)
10.Can't Take My Eyes Off of You (Boys Town Gang)
11.Lady (Modjo)
12.All That She Wants (Ace Of Base)
13.Sweet Dreams (La Bouche)
14.Two Can Play That Game (Bobby Brown)
15.Historias de amor (OBK) bonus track
16.(Out here) On my own (Nikka Costa) bonus track

 
Di DL4U (del 19/04/2009 @ 23:30:40, in Musica, testi, citazioni, canzoni, linkato 837 volte)
Per chi avesse qualche dubbio circa le capacità musicali di assoluto livello del simpatico complessino, vi suggerisco di procurarvi il vhs (o opportuna conversione divx sui circuiti del p2p) del video dei concerti tenuti dagli EelST in quel di Lugano nell'ormai lontano 2001... un live di 70' comunemente noto come "The Lugano Tapes" ripresi live durante i concerti del 24-25 aprile di quell'anno e poi trasmessi sulla RTSI (Radio Televisione della Svizzera Italiana  - SIGH! ) . Di seguito una vera perla di rock-progressivo nell'interpretazione del brano "Out in the daylight" di  Mike Rutherford (storico chiatarrista dei Genesis, brano tratto dall'album solista "Smallcreep's day" del 1980)... per i lettori da Facebook cercate come sempre il video in bacheca.

 
Di DL4U (del 05/04/2009 @ 23:24:20, in Musica, testi, citazioni, canzoni, linkato 670 volte)

Scritta da Bruno Lauzi e Maurizio Fabrizio nel 1972 (nella stessa settimana di Piccolo uomo), e lasciata "nel cassetto" per ben diciassette anni, "Almeno tu nell'universo"  fu ripresa solo nel 1989, quando venne incisa da Mia Martini, che con questa canzone partecipò al Festival di Sanremo di quell'anno. Col pretesto di una lettera d'amore, Lauzi  mette a fuoco alcuni aspetti negativi della società contemporanea: principalmente l'incoerenza della gente, intesa come amorfa e indistinta massa di persone, ma anche la sua ipocrisia, il fatto di seguire «ciecamente» le mode, dalle quali si lascia «scioccamente» influenzare e comandare, e la mancanza di una scelta decisa tra amore o odio, e per questo non credibile e affidabile. Il soggetto parlante della canzone afferma che il destinatario è l'unica persona «nell'universo» ad essere diversa dalla gente (cioè migliore, ma proprio nel senso che peggio di così non può essere). La canzone diviene così una rassegnata e sconsolata osservazione della realtà... che molti intorno a noi dovrebbero ascoltare attentamente: forse (e sottolineo il forse, dato che la roccia è troppo spesso dura da scalfire) imparerebbero qualcosa.  A voi la voce struggente della grande Mimì (video originale della partecipazione a Sanremo '89... se leggete da facebook cercate il video in bacheca).

 

 
Di DL4U (del 14/03/2009 @ 13:08:17, in Musica, testi, citazioni, canzoni, linkato 787 volte)
La storia della musica spesso ci racconta vicende singolari ed interessanti di personalità eclettiche e di grande suggestione. Questa che vi racconterò è la storia di un uomo che ha da sempre vissuto due identità parallele, quasi due vite distinte, passando da un ruolo all'altro con grande spontaneità e immensa professionalità. E' la carriera di Brian Harold May, dottore in astrofisica, cancelliere onorario della Liverpool John Moore University e universalmente riconosciuto come leggenda del rock in qualità di chitarrista dei Queen.  May nasce nel 1947 in un sobborgo di Londra, da una famiglia modesta ma molto solida, e inizia sin dai primi anni a coltivare la passione innnata per la musica: a cinque anni inizia a suonare il piano, ma ben presto passa alla chitarra elettrica. Non avendo la disponibilità economica per acquistare una costosa Fender Stratocaster, nel 1963, Brian con l'aiuto del padre inizia la costruirsi in proprio una chitarra sfruttando alcuni pezzi di legno di un vecchio caminetto. Nasce la "Red Special"  (o "The Red Fireplace" - il caminetto rosso) lo strumento dall'infondibile colore rosso e dalla timbrica cupa e profonda (ineguagliata da ogni altra chitarra) che accompagnerà Brian May per tutta la sua carriera di musicista, sino a giorni d'oggi.



Foto: Brain May con la sua "Red Special" nel 2005

Parallelamente a questi primi passi nel mondo della musica, Brian porta a termine il proprio ciclo di studi conseguendo la laurea in Fisica ed Astronomia  all'Imperial College di Londra. Inizia l'attività di insegnamento per finanziarsi il dottorato di ricerca, che abbandonerà quattro anni dopo, a pochi passi dal termine: la musica ha già occupato un ruolo importante nella vita di Brian e lascia poco tempo libero agli studi. Nel 1964 con un compagno di studi, Tim Staffell, fonda il gruppo degli Smile, dove nel ruolo di batterista suona già un giovane Roger Taylor. E' Staffell a presentare a May, Freddie Mercury: a seguito di dissidi che porteranno allo scioglimento degli Smile, nel 1971 May, Taylor e Mercury fondano un nuovo gruppo denominato Queen. Dopo poco tempo al nucleo iniziale si unirà il bassista John Deacon. Da lì a poco inizierà l'ascesa e l'epopea di uno dei gruppi che contribuiranno alla storia del rock moderno: nell'arco di un ventennio i Queen, sotto la guida dell'istrionico Mercury, incideranno brani leggendari scalando le classifica di tutto il mondo. La forza travolgente ed inarrestabile del gruppo si interromperà improvvisamente nel 1991 con al morte per AIDS di Freddy Mercury: la scomparsa del leader carismatico lascerà spiazzati i restanti membri de gruppo: Deacon si ritirerà delle scene , i restanti (May su tutti) continuano con lavori da solista o con collaborazioni con altre formazioni. Negli anni successivi May incide due ottimi album solisti (Back to the Light del 1992 e Another World del 1998) e collabora con nomi celebri della scena rock internazionale Black Sabbath, Holly Johnson, Guns N' Roses, Foo Fighters, Peter Gabriel. Nel 2005 Brian May, Roger Taylor assieme a Paul Rodgers riportano in auge il nome dei Queen con una serie di tour europei (l'ultimo nel 2008):  tutte le date saranno "sold out" e nei concerti ripropongono le melodie inconfondibili e i pezzi storici del gruppo non dimenticando mai un forte ricordo dell'amico Freddie. Nel 2006, durante il giubileo della regina, May suona in assolo l'inno inglese dal tetto di Buckingham Palace. Il 23 agosto 2007 May, dopo aver ripreso gli studi, consegue 30 anni dopo il dottorato di ricerca (PhD) e nel novembre dello stesso anno viene nominato cancelliere onorario della Liverpool John Moores University, succedendo a Cherie Blair, moglie di Tony Blair. In un articolo per la La Stampa del 2007, Pierangelo Sapegno, fotografò in modo mirabile la parsonalità di May con le seguenti parole: "Dalla vita si può anche andare e venire, e Brian non è il primo che l’ha capito da quando esiste il mondo. Ma il suo è un percorso diverso. Prima era un grande musicista. Adesso l’hanno appena nominato rettore dell’Università John Moore di Liverpool. Ha detto: «Sono fiero di questo. Spero di esserne degno». Ma dai Queen a una cattedra, dal rock alla scienza, la vita di Brian May in fondo è sempre stata la stessa."  . E' l'assoluta purezza di un uomo, un musicista leggendario che, appena nominato rettore dell’Università John Moore di Liverpool, disse: «Sono fiero di questo. Spero di esserne degno». Dai Queen ad una cattedra, dal rock alla scienza, la vita di Brian May in fondo è sempre stata la stessa.

Di seguito vi propongo il video storico del brano  "Love of my life" (1975)  suonato da May con l'amico Freddie, tratto dallo  storico concerto dei Queen a Houston nel 1977... con una dedica particolare per chi mi ha dato modo di ricordare, durante questa settimana, questa meravigliosa canzone..


 
Di DL4U (del 13/02/2009 @ 23:51:45, in Musica, testi, citazioni, canzoni, linkato 731 volte)
Scritta da Bob Marley nel 1980 ed inserita come singolo nell'album "Uprising", "Redemption song" è una delle canzoni più note e soggette a cover del cantante giamaicano. A differenza del resto della sua produzione, tipicamente reggae, questo è un testo folk,  sentito e religioso che risente della malattia che strappò Marley alla vita un anno più tardi.Il testo recita in una sua strofa:

« Emancipate yourselves from mental slavery, no one but ourselves can free our minds... »

e parla di libertà, di emancipazione dai nostri vincoli mentali e sociali, di sogni di un'intera generazione; un cantante, la sua voce e la sua chitarra le uniche armi per realizzare questo obiettivo. "Redemption song " è stata reintepretata da molti artisti: Elisa, Alicia Keys, Stevie Wonder, Rihanna,U2, Joe Strummer e Johnny Cash, Sinéad O'Connor, Bob Geldof, Outlandish, Pearl Jam, Ben Harper sino a il figlio di Marley Ziggy. Molte di queste cover (vedi quella dei Pearl Jam) hanno contribuito a sdoganarla dai clichè che avvolgono l'immagine di Marley e diffonderla ad una platea di pubblico universale; in Italia la voce e lo stile unici di Elisa.  Vi propongo i video dell'originale di Marley e il live di Elisa al concerto del 1° maggio del 2002 (se vedete il post da facebook, cliccate sul link "mostra post originale" o spulciate nella bacheca): non voglio mettere a confronto le versioni, sarebbe inopportuno, ma esaltarne la differente suggestione che suscitano. Di seguito il testo originale del brano:

Redemption Song

Old pirates, yes, they rob I;
Sold I to the merchant ships,
Minutes after they took I
From the bottomless pit.
But my hand was made strong
By the 'and of the Almighty.
We forward in this generation
Triumphantly.
Won't you help to sing
These songs of freedom? -
'Cause all I ever have:
Redemption songs;
Redemption songs.

Emancipate yourselves from mental slavery;
None but ourselves can free our minds.
Have no fear for atomic energy,
'Cause none of them can stop the time.
How long shall they kill our prophets,
While we stand aside and look? Ooh!
Some say it's just a part of it:
We've got to fulfil de book.

Won't you help to sing
These songs of freedom? -
'Cause all I ever have:
Redemption songs;
Redemption songs;
Redemption songs.

Emancipate yourselves from mental slavery;
None but ourselves can free our mind.
Wo! Have no fear for atomic energy,
'Cause none of them-a can-a stop-a the time.
How long shall they kill our prophets,
While we stand aside and look?
Yes, some say it's just a part of it:
We've got to fulfil de book.
Won't you help to sing
Dese songs of freedom? -
'Cause all I ever had:
Redemption songs -
All I ever had:
Redemption songs:
These songs of freedom,
Songs of freedom.




 
Di DL4U (del 03/02/2009 @ 23:13:41, in Musica, testi, citazioni, canzoni, linkato 626 volte)
"Solo la morte m'ha portato in collina
un corpo fra i tanti a dar fosforo all'aria
per bivacchi di fuochi che dicono fatui
che non lasciano cenere, non sciolgon la brina.
Solo la morte m'ha portato in collina.

Da chimico un giorno avevo il potere
di sposare gli elementi e di farli reagire,
ma gli uomini mai mi riuscì di capire
perché si combinassero attraverso l'amore.
Affidando ad un gioco la gioia e il dolore.

Guardate il sorriso guardate il colore
come giocan sul viso di chi cerca l'amore:
ma lo stesso sorriso lo stesso colore
dove sono sul viso di chi ha avuto l'amore.
Dove sono sul viso di chi ha avuto l'amore.

È strano andarsene senza soffrire,
senza un voto di donna da dover ricordare.
Ma è fosse diverso il vostro morire
vuoi che uscite all'amore che cedete all'aprile.
Cosa c'è di diverso nel vostro morire.

Primavera non bussa lei entra sicura
come il fumo lei penetra in ogni fessura
ha le labbra di carne i capelli di grano
che paura, che voglia che ti prenda per mano.
Che paura, che voglia che ti porti lontano.

Ma guardate l'idrogeno tacere nel mare
guardate l'ossigeno al suo fianco dormire:
soltanto una legge che io riesco a capire
ha potuto sposarli senza farli scoppiare.
Soltanto la legge che io riesco a capire.

Fui chimico e, no, non mi volli sposare.
Non sapevo con chi e chi avrei generato:
Son morto in un esperimento sbagliato
proprio come gli idioti che muoion d'amore.
E qualcuno dirà che c'è un modo migliore."
_______________________________________

Fabrizio De Andrè
"Un Chimico"
Non al denaro, non all'amore nè al cielo
(1971
)



 
Di DL4U (del 28/01/2009 @ 23:39:48, in Musica, testi, citazioni, canzoni, linkato 572 volte)
Il nuovo singolo dei ColdPlay intitolato "Life in Technicolor II" (che anticipa l'uscita del nuovo album "Prospekt's March" previsto per i primi mesi 2009.  E' la versione completa del breve brano strumentale omonimo contenuto nel precedente lavoro "Viva la Vida or Death".  Un ritmo allegro di chitarra e synth unito alla voce di Chris Martin.... e un video tutto da vedere sino alla fine!

 
Pagine: 1 2 3 4 5 6
Ci sono 32 persone collegate

< dicembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Amenità e altre "patacate" miste (14)
Appunti (22)
Archeologia Informatica (3)
Cinema (11)
Fumetti e cartoni alternativi (3)
Impegno sociale (16)
Informatica,tecnologia,hacking (33)
Letture (9)
Musica, testi, citazioni, canzoni (58)
My Seventies (3)
Passions (19)
Pensieri, riflessioni e sfoghi... (27)
Viaggi e giornate da ricordare (12)

Catalogati per mese:
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
...
15/12/2010 @ 08:51:13
Di air jordans

Titolo
Scorci (7)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Nessun sondaggio disponibile.

Titolo
Questo blog supporta



______________________________
Letture...

J.D. Salinger
Il giovane Holden
(The catcher in the rye)
EinaudiEditore



______________________________

Daniele Biachessi
La Fabbrica dei Profumi
Baldini e Castoldi Editore

La Fabbrica dei Profumi - D. Biachessi







__________________________

Musica...

Vasco Rossi - Dillo alla luna (1990)

Ben E. King - Stand by me (1961)

Queen - Bohemian Rhapsody (1975)

U2 - Pride (In the name of love) (1984)




__________________________

Profilo Facebook di Alberto Visconti

My status


Titolo
SITI AMICI



05/12/2019 @ 20:16:18
script eseguito in 92 ms