Immagine
 Leeeentamente....... di DL4U
 
"
Indietro non si torna, non si può tornare giù. Quando ormai si vola non si può cadere più....

Vasco Rossi - "Gli Angeli - Nessun Pericolo per Te" - 1996
"
 
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di DL4U (del 31/12/2007 @ 10:43:10, in Pensieri, riflessioni e sfoghi..., linkato 709 volte)
Carissimi, oggi sono arrivati anche per me i fatidici 30..Come sempre sono arrivato con l'ultimo treno (sarà un destino di tutti quelli nati come me l'ultimo giorno dell'anno???) un po' pesano, un po' fanno mi riflettere, un po' alla fine sono pure contento.
Qualcosa di buono l'ho combinato in questi anni, tanto non ho fatto, tantissimo ho fatto male, qualcosa potevo fare meglio ma alla fine sono sopravvissuto. Ho intorno tanti che mi voglio bene (ringrazio tantissimo e di cuore chi mi ha testimoniato la propria amicizia con messaggi e auguri), qualcuno forse magari non mi sopporta , ma insomma posso dire di aver lasciato comunque un buon segno nelle persone che conosco. Di questo sono davvero contento ed è una delle cose che mi sprona ad andare avanti, nonostante tutto, nonostante i problemi, le difficoltà e le mille insicurezze. Grazie a voi che mi date la forza di andare avanti! Vorrei cambiare tante cose nella mia vita, in parte dare una svolta agli aspetti che non mi convincono o che vorrei migliorare... Sono tanti gli ostacoli, tanti le "montagne da scalare" ma chissà che il 2008 alle porte non sia l'anno buono (in fondo sperare in questi giorni non costa nulla e la voglia vi assicuro non manca...anche se a volte ci credo poco). Bah... vedremo.
Nel frattempo il sottoscritto neo 30enne augura a tutti i timidissimi lettori del blog (lo so che ci siete e in alcune occasioni siete pure tanti a soffermarvi sulle cavolate che scrivo,ma neanche a pagarvi mi mettete un  commento!!!) UN MERAVIGLIOSO 2008!!!!!!!!

Che possa essere sempre pace, serenità, felicità e tutto quanto desiderate!!

Di tutto cuore e un abbraccio a tutti : - )

Alberto

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di DL4U (del 27/12/2007 @ 22:20:24, in Pensieri, riflessioni e sfoghi..., linkato 581 volte)



Quando Lei arriva, colpendoci alle spalle subodola e infame, portando via d'improvviso chi ci è più caro, infrange senza un perchè le nostre misere certezze e diviene, se possibile, ancor più inaccettabile e insopportabile.
Quando non c'è ragione che la possa spiegare, quando lascia in te un vuoto incolmabile che il tempo solo in apparenza lenisce, noi miserrimi che restiamo siamo incapaci di far fronte a tanto dolore. La vita pare crollare in un vortice di pensieri e domande e ci resta solo l'amara consolazione che in qualche modo l'esistenza deve proseguire tuffandosi a muso duro nel nostro quotidiano, ricacciando nelle pieghe della nostra anima le angoscie più soffocanti. Il ricordo di chi non c'è più resta e deve restare e si farà sempre più vivo nei momenti importanti: qualche volta dolce, spesso maliconico, in alcune circostanze insopportabile per il carico di emozioni che ci riversa addosso. Non esiste medicina solo incerti placebo da cercare nella condivisione della sofferenza e delle esperienze con chi ci può capire.

Ti sono vicino Amico mio che questa sera in me hai cercato conforto, lo sai che posso capirti e penso sia stato questo a farti ricordare di me nonostante la distanza; non ho certezze non ho parole, magari ci fossero, magari le avessi trovate nel tempo anche per me: non c'è spiegazione logica ad un atroce e barbaro destino. Rifugiati nel conforto che può darti la tua giovane famiglia, distrai la mente come e se puoi, sii forte e non lasciarti travolgere dalle situazioni. Fidati: l'anima di chi hai perso sarà sempre lì con te e ti accompagnerà per mano  sorreggendoti sempre nelle traversie della vita. E se avrai bisogno sarò qui.

"Oh Grande Spirito,
concedimi la serenità di accettare le cose che non posso cambiare,
il coraggio di cambiare le cose che posso cambiare,
e la Saggezza di capirne la differenza."

(Preghiera Cherokee)




Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di DL4U (del 26/12/2007 @ 13:13:09, in Informatica,tecnologia,hacking, linkato 603 volte)


Sono passati esattamente venti anni  da quel 24 dicembre 1987, giorno in cui venne registrato il primo dominio internet “.it”  ovvero il primo vero passo della diffusione del web anche in Italia. Ripercorriamo qualche veloce cenno storico degli eventi: siamo nella seconda metà degli anni ottanta, “internet”, diffuso già da una decina d’anni, era ancora soltanto un misterioso vocabolo che la maggior parte delle persone comuni associavano ad uno strano acronimo o ad uno strumento militare riservatissimo. In Italia (come del resto anche in altri paesi del mondo) i primi acquirenti di “spazio” sulla grande rete furono università, enti scientifici e amministrazioni pubbliche. I primi servizi attivati sulla rete (allora ritenuta principalmente solo uno strumento per trasferire dati a distanza a  velocità risibili rispetto agli standard attuali) consentivano la gestione e il “data-entry”  sulle prime banche dati diffuse:  i centri di ricerca, le università  e gli enti usavano internet in prevalenza per lo scambio di risultati e dati di laboratorio, di ricerca o amministrativo-commerciali. Il 30 aprile del 1986 venne stabilito il primo collegamento tra Pisa e gli Stati Uniti. La trasmissione avviene via satellite ed è frutto del lavoro dei ricercatori dell'allora neonato Centro Nazionale Universitario di Calcolo Elettronico (Cnuce). Ai tempi (ma è ancora così a distanza di venti anni)  le authority americane gestivano i domini in tutto il mondo; circa 20 mesi dopo il primo collegamento Italia-Usa  all’Istituto di Pisa venne assegnata la gestione del Registro dei domini “.it” “. Eravamo il quarto paese europeo, in ordine di tempo, ad adottare l'Internet protocol. Il primo dominio italiano assegnato fu proprio “CNR.it” . Passato il primo periodo pioneristico, nel 1994, venne  aperta la prima “anagrafe” dei domini, ma registrazioni attive sono ancora modeste: soltanto 150. Occorre attendere il 1999 (anno storicamente associato al “boom della new economy”)  per  osservare una crescita esponenziale  del numero dei domini attivi. Nel 1999 i siti attivi erano 90.500, solo un anno dopo le sigle “.it” si erano moltiplicate fino ad arrivare a circa 409.694. Attualmente  l’Italia del  “.it”  è al 6° posto (1 milione e mezzo di siti) in una classifica dei domini "più registrati", dietro al britannico “.co.uk”, del francese “.fr” e del tedesco “.de”.

Nel frattempo molto è cambiato: la grande rete non è più uno strumento di nicchia ad uso esclusivo di enti e laboratori di ricerca. Su internet ormai si trova di tutto un po’ e gli utenti sono ormai le persone comuni di ogni età o estrazione socio-culturale. L’uso della rete è di molto cambiata: dal puro data entry si passati attraverso la rivoluzione del WWW e dell’HTML ,  al boom e alla seguente implosione dei primi provider di servizi, all’epoca dei primi portali generalisti, sino al WEB 2.0 dei giorni d’oggi dove i contenuti della rete sono creati dagli stessi utenti connessi (blog e YouTube su tutti sono i principali esempi) in attesa dell’ennesima evoluzione (o rivoluzione) della rete promessa dal WEB 3.0. A venti anni di distanza dalla sua nascita il servizio italiano di registrazione e gestione dei domini “.it”, tecnicamente definito "Registro del ccTld .it", e' gestito dall'Iit-Cnr di Pisa, erede del pionieristico Cnuce. Spesso criticato per l’eccessiva lungaggine nelle procedure di registrazione dei domini (e l’ esperienza personale mi conferma abbastanza questa impressione generale),  il CNR nella persona dell’ingegner Enrico Gregori , attuale responsabile del Registro, annuncia proprio in questi giorni il nuovo passo avanti per la rete italiana. Dice Gregori “Il nostro prossimo obiettivo è permettere a operatori e utenti l'immatricolazione in tempo reale”  il CNR sarebbe quindi prossimo al passaggio a un sistema di registrazione dei domini definito "sincrono" che riuscirebbe ad allineare il Registro italiano a quello di altri Paesi in tempo pressoché reale, garantendo una sensibile riduzione dei tempi tecnici necessari alla struttura del CNR per ottemperare alla procedura, ora come ora lenta e farraginosa, e  spesso fonte di polemica da parte degli utilizzatori finali. Chiudo con un dato aggiornato secondo il sito ufficiale del Registro del CNR  (www.nic.it) al 26/12 sono 1,474,743 i domini  italiani attualmente attivi o in fase di attivazione. Buon compleanno ".it" !

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di DL4U (del 23/12/2007 @ 23:24:23, in Pensieri, riflessioni e sfoghi..., linkato 1320 volte)






Auguri a chi sta male nel chiuso di una stanza,
auguri a chi non è soddisfatto di sè e della vita,
auguri a chi non è felice di ciò che fa,
auguri a chi soffre nell'animo.

Auguri a chi è malato ed è in un letto d'ospedale
auguri a chi si sente solo nel mondo caotico ed indifferente,
auguri a chi ha vinto ma che ha ancora voglia di migliorarsi,
auguri a chi ha perso qualcuno di caro.

Auguri a chi ha perso tutto ma non la speranza,
auguri a chi ha avuto fortuna e ha il coraggio di ammetterlo,
auguri a chi ha avuto sfortuna e non ne fa una scusa,
auguri a chi ha tutto solo in apparenza.

Auguri a chi ha un progetto da realizzare,
auguri a chi è deluso,
auguri a chi lavora duramente,
auguri a chi un lavoro ancora non lo ha.

Auguri a chi mi vuol bene,
auguri a chi mi ha voluto bene,
auguri alla mia famiglia,
auguri agli amici di sempre.

Auguri ai nuovi amici e quelli riscoperti,
auguri ai colleghi,
auguri a chi voglio bene,
auguri a chi mi stima in modo sincero.

Auguri a chi con tanta pazienza quotidianamente mi sopporta,
auguri a chi, invece, proprio non mi sopporta,
auguri a chi ho arrecato delusioni,
auguri a chi ho dato soddisfazioni.

Auguri a chi la vita ha dato tutto,
auguri a chi la vita ha tolto tutto,
auguri a chi ha poco e ha il coraggio di condividerlo con gli altri,
auguri a chi ha bisogno.

Auguri a chi non mi ha mai fatto mancare un aiuto nel momento del bisogno,
auguri a chi ho dato una mano, e a chi sono stato utile,
auguri a chi legge questo blog,
auguri a chi è capace ancora di sorprendersi.

Auguri a chi è curioso ed è sempre alla ricerca di nuovi stimoli,
auguri a chi non prova invidia,
auguri a chi è vuole sempre migliorarsi,
auguri a chi si è legato al dito qualcosa.

Auguri a chi comunque lotta per realizzare un'idea,
auguri a chi non si è fermato in attesa degli eventi,
auguri a chi ho incontrato una sola volta,
auguri a chi non vedo da tempo,
auguri a chi non vedrò mai più.

Auguri a chi è semplice ed è capace di accontentarsi,
auguri a chi non si accontenta e vuole migliorarsi,
auguri a chi è umile e con umiltà procede nella vita,
auguri a chi aiuta il prossimo senza secondi fini.

Auguri a chi è aiutato,
auguri a chi ha pazienza,
auguri a chi ha la capacità di comprendere le circostanze,
auguri a chi mi consiglia con discrezione e saggezza.

Auguri a chi ho indegnamente dato consiglio,
auguri a coloro i quali, un po' imprundentemente, hanno seguito i miei consigli,
auguri a chi è un po' folle e vive la vita con la giusta leggerezza,
auguri a chi ha ancora la capacità di sorridere della vita.

Auguri agli ottimisti convinti,
auguri ai pessimisti cronici,
auguri a chi mi ha regalato un sorriso in un giorno buio,
auguri a chi mi è stato vicino nella tristezza.

Auguri a chi mi ha sopportato nei momenti di tensione,
auguri a chi ho perso per sempre,
auguri a chi ha sofferto per i miei errori,
auguri a chi mi ha dato una possibilità.

Auguri a chi mi ha convinto a non rinunciare di fronte alla difficoltà,
auguri a chi, come me, da tempo non riesce a vivere lo spirito del natale,
auguri a chi, come me, il natale provoca malinconia,
auguri a chi sente di aver bisogno di qualcosa o qualcuno.

Auguri a chi ha condiviso con me esperienze,
auguri a chi è generoso,
auguri a chi mi ha sorpreso,
auguri a chi è capace di sorprendersi con l'ingenuità di un bambino.

Auguri a chi ha patito un sopruso,
auguri a chi è vittima degli eventi ma non si fa travolgere,
auguri a chi vive sempre a testa alta forte della propria umanità,
auguri a chi dona sinceramente.

Auguri ai bimbi appena nati,
auguri agli anziani malati,
auguri a chi è solo,
auguri a chi invece è sempre in mezzo alla gente.

Auguri a chi è capace di parlare,
auguri a chi è ancora capace di ascoltare,
auguri a chi vive al freddo,
auguri a chi è capace di riscaldare il cuore del prossimo con una semplice parola.

Auguri a chi ama,
auguri a chi è amato,
auguri a chi vorrebbe amare ed essere amato,
auguri a chi è odiato, massì, in fondo è questione di punti di vista.

Auguri ai popoli del mondo, sopratutto a quelli più bisognosi,
auguri a chi gioca,
auguri a chi è stato vittima di uno strano gioco,
auguri a chi canta in allegria,
auguri a chi ha avuto il coraggio di cantarle di santa ragione.

Auguri a chi si alza alla mattina col sorriso sulla bocca,
auguri a chi si alza alla mattina maledicendo il proprio destino,
auguri a chi è artefice del proprio destino e non sua vittima,
auguri a chi ride: la risata è una meravigliosa malattia contagiosa.

Auguri a chi è musone di natura,
auguri a chi è debole,
auguri a chi è forte,
auguri a chi è di una semplicità disarmante,
auguri a chi è di una complessità incredibile.

Auguri a chi si ricorda del prossimo,
auguri a chi è timido e si sente incompreso,
auguri a chi è capace di offrirsi al prossimo,
auguri a chi è capace di vincere l'egoismo.

Auguri a tutte le meravigliose persone che ogni giorno mi circondano.

Tanti auguri a tutti voi!


Alberto






Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di DL4U (del 21/12/2007 @ 00:13:17, in Musica, testi, citazioni, canzoni, linkato 777 volte)



One

U2
(Achtung Baby, 1991)
______________________________________________________



in alto: la cover originale del singolo "One"
________________________________________________________________


_____________________


ln alto la copertina dell'album "Achtung Baby" pubblicato dagli U2 il 18 novembre 1991 e contenente tra le altre "One". Rivoluzionario nei suoni ed innovativo nei contenuti, questo disco è ritenuto è il vero capolavoro della band irlandese.

Nel 2006 gli U2 hanno realizzato una nuova versione di "One"
re-interpretata nella parte vocale da con Mary J. Blige una delle voci più raffinate del panorama musicale mondiale.

Con questa nuova edizione gli U2 hanno sbaragliato i Grammy Awards 2006 a Los Angeles
____________________

Ed ora un po' di appunti in libertà sulla canzone.

E' per molti versi controverso il significato della parola "One" che dà il titolo a questa famosa canzone degli U2. La versione più ovvia interpreta nel testo semplicemente una difficile relazione amorosa: due persone che non riescono a mantenere stabile il rapporto per continui litigi e ferite reciproche. Altre intepretazioni vedono in One l'unicità in senso sprituale altri, contestualizzando la canzone con lo specifico periodo storico in cui uscì e con un lungo tour della band in Germania, tendono ad associare il testo alla caduta del muro di Berlino (1989) e alla riunificazione tedesca. In realtà la versione più attendibile tende ad intepretare il testo come il racconto personale della vita passata assieme al padre da Bono (leader della band), dopo che questi perse la madre all'età di quattordici anni. Di seguito da You Tube trovate la versione originale del video della canzone....







Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di DL4U (del 19/12/2007 @ 19:25:57, in Impegno sociale, linkato 613 volte)



NEW YORK, 18 dicembre 2007


Pena di morte, l'Onu dice sì alla moratoria.

La Terza commissione dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite ha approvato ieri sera ad ampia maggioranza la risoluzione che chiede una moratoria internazionale sulla pena di morte. Il voto è stato di 99 Paesi a favore, 52 contrari e 33 astenuti. Le probabilità di passaggio erano aumentate con la bocciatura di tutti gli emendamenti posti sul suo cammino. La decisione apre adesso la strada a una presa di posizione dell'intera Assemblea generale entro fine anno.
«È una vittoria di tutta l'Italia - ha commentato il ministro degli Esteri, Massimo D'Alema - l'Italia conferma di essere in prima linea nel mondo in materia di tutela dei diritti umani». Sulla stessa lunghezza d'onda l'ambasciatore italiano al Palazzo di Vetro, Marcello Spatafora, che subito dopo il voto ha dichiarato: «Quella vinta oggi è una battaglia di cui tutti dovremmo essere orgogliosi». L'Italia ha svolto infatti un ruolo di primo piano nella campagna e nei negoziati per far avanzare la risoluzione, divenuta una priorità di politica estera.
Il testo, dopo due giorni di teso dibattito, è rimasto invariato con ben 14 emendamenti, spesso presentati con l'intento di far deragliare la risoluzione, tutti respinti. La commissione aveva aperto i lavori mercoledì, per proseguirli giovedì mattina: gli emendamenti sono stati bocciati in media con 80 voti contro 70, una ventina di astensioni e altrettanti non partecipanti alle deliberazioni. Le dichiarazioni di voto sulla risoluzione sono cominciate verso le tre di pomeriggio ora di New York, dopo che anche un ultimo tentativo degli oppositori di far votare la risoluzione punto per punto era fallito. L'approvazione richiedeva soltanto una maggioranza semplice dei Paesi votanti.
La decisione della Terza commissione rappresenta un passo molto importante ma ancora non definitivo per la risoluzione. L'appuntamento, infatti, è ora con l'Assemblea generale, probabilmente a metà dicembre, per un voto sulla moratoria: se varata dai 192 Paesi la risoluzione acquisterà un immmediato valore morale, anche se non sarà vincolante. Negli anni Novanta due proposte di risoluzione, che tuttavia chiedevano l'immediata abolizione della pena di morte anziché una moratoria, si erano arenate.
Il voto in commissione è giunto al termine di una saga già rivelatasi lunga e difficile: la moratoria era rimasta ostaggio di richieste di porre l'accento sull'eliminazione della pena capitale e di controproposte per ammorbidire il testo. La risoluzione alla fine presentata e ieri approvata invoca una moratoria in vista di una futura eliminazione.
Il testo sottolinea che la pena capitale «danneggia la dignità umana», che «non esistono prove conclusive del suo valore deterrente» e che «qualunque errore giudiziario nella sua applicazione è irreversibile e irreparabile». Inizialmente 72 Paesi, fra cui l'Italia e tutte le nazioni dell'Unione Europea, avevano sottoscritto il testo, un elenco in seguito allungatosi a 87 firmatari. I sostenitori comprendono ad oggi una dozzina di capitali latinoamericane e otto Paesi africani, dal Brasile all'Angola.
Le più strenue obiezioni sono arrivate da Paesi mediorientali, asiatici e caraibici. Tra i critici più convinti della risoluzione si è distinto Singapore, ma resistenze sono emerse anche da Botswana, Barbados, Iran, Egitto e anche Cina. Iran, Cina, Stati Uniti, Pakistan e Sudan vantano oggi il 90% delle esecuzioni al mondo.
Alcune delle obiezioni, sintomo delle polemiche che dividono l'Onu sulla pena di morte, hanno anche sollevato lo spettro del colonialismo e dell'interferenza negli affari interni di singole nazioni. «Abbiamo visto - ha detto il rappresentante di Singapore Kevin Cheok - simili episodi in passato. C'era un tempo in cui le nostre vedute venivano ignorate». Cheok ha dichiarato che il dibattito sulla pena di morte minaccia di «avvelenare» il clima alle Nazioni Unite. L'ambasciatore italiano Marcello Spatafora ha respinto simili accuse e ha risposto che l'iniziativa per la moratoria è internazionale

(articolo di M.Valsania - tratto da il "www.ilsole24ore.com" )

___________________________________

Per una volta forse c'è da essere orgogliosi di essere italiani...

____________________________________

Lo ricordo ancora come una delle letture più interessanti che mi proposero ai tempi del liceo: tra le tante opere di cui l’Italia deve andare fiera spicca Dei delitti e delle pene (1764), di Cesare Beccaria. L’autore, testimone esemplare dell'Illiminismo italiano. nasce a Milano nel 1738 e dal 1760 si interessa di filosofia, grazie allo studio delle idee di Montesquieu e di Rousseau. Quattro anni più tardi, scrive e pubblica Dei delitti e delle pene.

L’opera è un trattatello nel quale l’autore esprime idee di stampo indubbiamente illuminista; i destinatari, a cui spesso si rivolge in modo diretto, sono i sovrani illuministi, chiamati anche «benefattori dell’umanità», sta a loro, infatti, il compito di assicurare al popolo un governo più giusto. L’autore viene oggi poco ricordato, eppure è a lui che dobbiamo molti dei principi civili a cui siamo abituati.

Il libro stupisce per la sua modernità. Beccaria esamina con estrema lucidità un certo numero di reati e le loro rispettive pene. Partendo dal contratto sociale, prosegue parlando dell’origine e dello scopo delle pene, le quali non sono una punizione, bensì un allontanamento dalla società a scopo rieducativo. Egli affronta temi attualissimi come l’interpretazione arbitraria delle leggi, la pena di morte, e la prontezza della pena. Il principio base di una legge è la chiarezza. La legge non deve aver bisogno di interpreti che la rigirino a proprio favore; la pena di morte è ingiusta in quanto immorale e antieducativa — non si può insegnare a un popolo a ripudiare l’omicidio, se lo Stato stesso ne fa uso —; la pena deve essere attuata prontamente, altrimenti perderebbe il suo effetto educativo, inoltre, non sarebbe giusto ritardare il giudizio per troppo tempo a discapito di un innocente (visto che il reo è tale fino a prova contraria). Egli parla ancora di proporzione fra delitti e pene, critica la tortura e la disuguaglianza tra le pene inflitte a un nobile e quelle inflitte a un povero. Interessantissimo è il ruolo che acquisisce l’educazione, in quanto essa serve a prevenire i delitti.

«Volete prevenire i delitti? Fate che i lumi accompagnino la libertà. I mali che nascono dalle cognizioni sono in ragione inversa della loro diffusione, e i beni lo sono nella diretta»
(XLII, Delle scienze p. 66)

Il messaggio è semplice: l’unico modo per giungere alla creazione di una società sana è l’istruzione. Essa non ci fornisce solo una giusta visione del mondo, ma ci procura una certa dose di intelligenza, la quale ci permette di capire quello che è giusto e quello che è sbagliato, inoltre, di fronte a una mente illuminata dalla conoscenza, «trema l’autorità disarmata di ragioni».

“Parmi un assurdo che le leggi, che sono l’espressione della pubblica volontà, che detestano e puniscono l’omicidio, ne commettono uno esse medesime e, per allontanare i cittadini dall’assassinio, ordinino un pubblico assassinio”

Se volete leggere il testo completo dell'opera potete consultare Wikisource qui


Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di DL4U (del 18/12/2007 @ 22:38:32, in Viaggi e giornate da ricordare, linkato 648 volte)
Appena tornato dalla due giorni in quel di Parma. Bella esperienza, evento interessante dove ho avuto pure il mio personale quarto d'ora di celebrità in cui mi è toccato parlare "a braccio" al pubblico in sala! Peccato non aver potuto vedere di più della città, ma oggettivamente il tempo mancava: sarà per la prossima volta! Prossima tappa (spero) Roma... Un saluto e un ringraziamento di cuore a Daniela, Elena e Sara: dai.. ce la siamo cavata bene e direi che possiamo,  una volta ogni tanto,  autocelebrarci un po' facendoci i complimenti  : - )   !!!!
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di DL4U (del 17/12/2007 @ 10:27:13, in Musica, testi, citazioni, canzoni, linkato 1163 volte)

Cosa si prova

di Giorgio Gaber - Sandro Luporini (1987)


"Interno - esterno" - Olio su tela di Sandro Luporini


Cosa di prova in un giorno normale
cosa si prova di nuovo ogni risveglio
cosa si prova quando stiamo male
quando si soffre per un piccolo dettaglio.

Cosa si prova in tutte quelle ore
in cui nulla può accadere.
Cosa si prova in tutte quelle ore
in cui nulla può accadere.

Cosa si prova quando c'è un'amicizia vera
e poi si beve insieme e sei anche contento
ma senza impegno e finché dura
con la disinvoltura di vivere al momento.

Cosa si prova in tutte quelle ore
in cui nulla può accadere.

Non resta che il sapore di un'immagine stordita
a volte allegro a volte doloroso
ma senza la memoria accade che la vita
è come un libro che si sfoglia a caso.

Ma che si prova se senti nascere
come da un'altra vita un'energia sconosciuta
se ritrovi il gusto di un gesto semplice
che lasci un segno
ti sembra che la vita sia possibile
ma forse è un sogno.

Cosa si prova ad accarezzare i suoi capelli biondi
cosa si prova a guardare i suoi fianchi ore e ore
cosa si prova appena dopo litigi furibondi
a rinnamorarsi e poi a stufarsi per un raffreddore.

Cosa si prova, cosa viene in mente
a non provare niente.
Cosa si prova, cosa viene in mente
a non provare niente.

Cosa si prova se in due si vive meglio
e ci si sposa, magari in primavera
cosa si prova se all'improvviso nasce un figlio
senza capire il senso di una famiglia vera.

Cosa si prova, cosa viene in mente
a non provare niente.

Mi resta solo un po' di nostalgia di tutto quel che perdo
le cose buone e le persone care
migliaia di frammenti e dietro ogni ricordo
ti resta solo un vago ricordare.

Ma che si prova se senti nascere
come da un'altra vita un'energia sconosciuta
se ritrovi il gusto di appartenere
al mondo intero
ti sembra di sfiorare l'impossibile
e forse è vero.

_______________________________________________

Con questo post voglio suggerirvi un paio di link per la vostra navigazione: sono i siti ufficiali di Giorgio Gaber
( http://www.giorgiogaber.org ) e Sandro Luporini ( http://www.luporini.it ) autori tra l'altro del testo che vedete pubblicato sopra. Nel sito del "Signor G" potrete trovare un'ampia selezione di testi di poesie, canzoni e brani per il teatro. In quello di Luporini, eclettico pittore e scrittore, una galleria on line delle principali opere dell' artista.

Giorgio Gaber

Giorgio Gaberscik nasce a Milano il giorno 25 gennaio 1939. Adolescente, per curare il braccio sinistro colpito da paralisi, a 15 anni inizia a suonare la chitarra. Dopo aver conseguito il diploma in ragioneria frequenta la facoltà di Economia e Commercio alla Bocconi pagandosi gli studi con i guadagni provenienti dalle serate in cui suona al Santa Tecla, famoso locale milanese. Conoscerà qui Adriano Celentano, Enzo Jannacci e Mogol; quest'ultimo lo invita alla Ricordi per un'audizione: è lo stesso Ricordi a proporgli di incidere un disco.

Comincia una brillante carriera con "Ciao, ti dirò", scritta con Luigi Tenco. Sono degli anni successivi le indimenticabili "Non arrossire", "Le nostre serate", "Le strade di notte", "Il Riccardo", "Trani a gogò", "La ballata del Cerruti", "Torpedo blu", "Barbera e champagne".
Nel 1965 sposa Ombretta Colli. Partecipa inoltre a quattro edizioni del Festival di Sanremo (con "Benzina e cerini", 1961; "Così felice", 1964; "Mai mai mai Valentina", 1966; "E allora dai", 1967), oltre a condurre vari spettacoli televisivi; nell'edizione 1969 di "Canzonissima" propone "Com'è bella la città", uno dei primi brani che lasciano intravedere il successivo cambio di passo.
Nello stesso periodo, il Piccolo Teatro di Milano gli offre la possibilità di allestire un recital, "Il signor G", il primo di una lunga serie di spettacoli musicali portati in teatro che alternando canzoni a monologhi trasportano lo spettatore in una atmosfera che sa di sociale, politica, amore, sofferenza e speranza, il tutto condito con un'ironia tutta particolare, che smuove risate ma anche la coscienza.


«Credo che il pubblico mi riconosca una certa onesta' intellettuale. Non sono ne' un filosofo ne' un politico, ma una persona che si sforza di restituire, sotto forma di spettacolo, le percezioni, gli umori, i segnali che avverte nell'aria.»

Far finta di essere sani (1972), Libertà obbligatoria" (1976), Polli d'allevamento (1978). Il grigio (1989), E pensare che c'era il pensiero (1995), Un'idiozia conquistata a fatica (1998) sono i suoi lavori più significativi.

Dopo gli album dedicati esclusivamente alla registrazione integrale dei suoi spettacoli, torna al mercato discografico ufficiale con l'album "La mia generazione ha perso" (2001) che include il singolo "Destra-Sinistra": ironico, con le solite graffianti insinuazioni, è un brano decisamente attuale, visto il periodo pre-elettorale in cui esce.

Scompare il giorno 1 gennaio del 2003, all'età di 63 anni, stroncato da una lunga malattia nella sua villa di Montemagno a Versilia, dove si era recato per trascorrere il Natale accanto alla moglie e alla figlia Dalia.

Il 24 gennaio dello stesso anno uscira', quasi come un testamento artistico, "Io non mi sento italiano", l'ultimo lavoro dell'indimenticabile artista.



Sandro Luporini


Sandro Luporini
è nato a Viareggio nel 1930.
Studia ingegneria all'Universita' di Pisa, ma nel 1953 abbandona l'Università per dedicarsi alla pittura e si trasferisce a Roma. Nel 1956 si trasferisce a Milano e si lega alla Galleria Bergamini. Tra il 1950-1955 ottiene vari premi a Viareggio, Livorno, Tirrenia, Lucca, Stiava e Pisa. Successivamente il Premio San Fedele, Milano (1956), Modiglioni (1956), Suzzara (1957), Michetti di Francavilla (1957), Modiglioni (1958).
Nel 1959 è invitato alla VIII Quadriennale d'arte di Roma e alla I Rassegna della giovane pittura italiana in Giappone. Abbandona la partecipazione ai Premi e allestisce mostre personali nel 1958, 1959, 1961 e contemporaneamente partecipa a importanti mostre collettive, facendo parte del gruppo, poi definito "Realismo esistenziale".
Nel 1964 si lega alla Galleria Il Fante di Spade di Roma e Milano assieme a un gruppo di importanti artisti. Oltre a Luporini ne facevano parte Mac Garrell, Perez, Ferroni, Aillaud, Vespignani e Guerreschi.
Risiede a Milano sino alla fine degli anni '70. Nei primi anni '80 ritorna a vivere a Viareggio, sua città natale, pur mantenendo stretti contatti con Milano.
Nel 1983 Sandro Luporini si lega alla Galleria Adac a Modena e con essa allestisce mostre personali e collettive in molte città italiane, tra cui il Palazzo dei Diamanti a Ferrara, il Palazzo Ducale di Mantova, Lo Spazio Oberdan a Milano.



"Un bacio" di Sandro Luporini (1999-2000)
Olio su tela - cm 40 x 50



Gaber e Luporini



Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di DL4U (del 04/12/2007 @ 22:35:42, in My Seventies, linkato 745 volte)




DOSSIER 77
Tra drammi e speranze
uno speciale de "La Storia siamo Noi"
___________________________________________________

"E' un anno profondamente contraddittorio il 1977, contrassegnato da un lato, sul piano ideologico-politico, dall'escalation della violenza terroristica col suo strascico di morte, dall'altro, su quello di una socialità alternativa, dalla nascita di iniziative costruttive, tra cui le cosidette Radio libere e l'Estate Romana. E a ciò si aggiunge la parabola e l'arresto di Vallanzasca, criminale solitario e fuori dagli schemi."

Inizia così lo speciale del progetto Rai Educational
"La Storia siamo Noi" dedicato alle vicende, ai fatti del 1977: l'anno dell'inizio della contestazione dura che sfocerà nel periodo degli "anni di piombo" e negli scontri aspri tra opposte fazioni politiche. E' l'anno delle prime radio e tv libere che oppongono per la prima volta una voce diversa, spesso pionieristica, al monopolio Rai; una sentenza della Corte Costituzionale del 28 luglio 1976 ha sancito per la prima volta che l'etere è di tutti e che le trasmissioni (purchè a diffusione locale) sono legittime. In ogni parte d' Italia nascono come funghi nuove tv e radio private portando il paese verso il lungo (e ancor oggi non concluso) percorso del pluralismo di contenuti, di scelta e di informazione.

In questo dossier c'è un po di tutto per approfondire le tematiche del 1977: i colori e le immagini, il diario e la cronaca, le contraddizioni e le rivoluzioni di quell'anno, il mio anno.


Cliccate sull'immagine seguente accedere al sito e ai contenuti del Dossier 77.






Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1
Ci sono 31 persone collegate

< dicembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Amenitą e altre "patacate" miste (14)
Appunti (22)
Archeologia Informatica (3)
Cinema (11)
Fumetti e cartoni alternativi (3)
Impegno sociale (16)
Informatica,tecnologia,hacking (33)
Letture (9)
Musica, testi, citazioni, canzoni (58)
My Seventies (3)
Passions (19)
Pensieri, riflessioni e sfoghi... (27)
Viaggi e giornate da ricordare (12)

Catalogati per mese:
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019

Gli interventi pił cliccati

Ultimi commenti:
...
15/12/2010 @ 08:51:13
Di air jordans

Titolo
Scorci (7)

Le fotografie pił cliccate

Titolo
Nessun sondaggio disponibile.

Titolo
Questo blog supporta



______________________________
Letture...

J.D. Salinger
Il giovane Holden
(The catcher in the rye)
EinaudiEditore



______________________________

Daniele Biachessi
La Fabbrica dei Profumi
Baldini e Castoldi Editore

La Fabbrica dei Profumi - D. Biachessi







__________________________

Musica...

Vasco Rossi - Dillo alla luna (1990)

Ben E. King - Stand by me (1961)

Queen - Bohemian Rhapsody (1975)

U2 - Pride (In the name of love) (1984)




__________________________

Profilo Facebook di Alberto Visconti

My status


Titolo
SITI AMICI



05/12/2019 @ 20:14:03
script eseguito in 65 ms