\\ Home Page : Articolo : Stampa
Potenziamo la nostra rete WiFi
Di DL4U (del 06/01/2009 @ 18:07:30, in Informatica,tecnologia,hacking, linkato 913 volte)
Da un po' di mesi mi ritrovavo per le mani un access point wireless DLink DWL 700AP  e, avendo già in casa un router wifi Linksys WRT54G per Eolo, per lungo tempo è rimasto chiuso un un cassetto. E' un modello del 2005 economico e semplice, ormai abbastanza datato, ma già di classe G (54 Mbps); siccome spiaceva vederlo inutilizzato (è praticamente nuovo), mi son chiesto se fosse possibile un' applicazione "alternativa" del giocattolo. I modi di funzionamento dei componenti  WiFi di questo tipo spesso non si limitano alla pura e semplice modalità access point, ma è possibile configurarli come client wireless, o come a me interessava, repeater. A seconda di come viene configurato quindi l'apparecchio può essere utlizzato come normale access point (quindi creare  una rete senza fili), client wireless (ovvero utlizzarlo come client di una rete senza fili già esistente e  quindi, attraverso la propria porta  ethernet, convertire in wifi una qualunque scheda di rete cablata di un pc, di una stampante...), repeater (ovvero agganciarlo ad una rete senza fili già esistente, per ripeterne il segnale, ampliandone così la copertura anche negli angoli "bui"). Il firmware originale del DLink non consentiva tutti questi settaggi, ma un veloce giro in internet ha permesso di trovare sul sito ftp del produttore (http://ftp.dlink.ru/pub/Wireless/) un paio di firmware più aggiornati (quello usato è di fine maggio 2008) che ne hanno ampliato le potenzialità. Caricato il firmware (tutto via interfaccia web), sostituita l'antenna originale da 3 dbi con una più perfomante da 5 dbi e configurato il DWL700 come repeater, collegandolo alla rete wifi del Linksys già esistente (la procedura è molto semplice tramite la funzione di DLink "site survey" che scansiona le reti esistenti). Il DWL  ovviamente ha un ip fisso, come gateway l'indirizzo del Linksys e propaga un segnale wifi col medesimo SSID e criptatura della rete che ripete. Con queste poche mosse il DLink è tornato operativo e mi hanno permesso di potenziare il raggio d'azione della lan wireless e coprire al meglio le due case nel mio cortile. Una piccola idea per riciclare il surplus informatico che spesso affolla i nostri armadi e cassetti.



Il Dlink con il nuovo antennone