\\ Home Page : Articolo : Stampa
Ti sfondo i bonghi....
Di DL4U (del 21/02/2008 @ 23:27:08, in Musica, testi, citazioni, canzoni, linkato 898 volte)
Studentessi
Elio e le Storie Tese
(2008)



"Si può radere al suolo un bosco e fregarsene, mentre si decide di rompere le scatole ad uno che va’ fuori tempo e suona i bonghi a Parco Sempione?" E' l'angoscioso dilemma che propone il nostro beneamato complessino nella canzone he ha fatto da traino al nuovo disco "Studentessi" da ieri in vendita un po' ovunque e anche nella nostra edicola di fiducia. La per nulla velata critica al governatore della regione Lombardia e all'amminstrazione in carica (nel video della canzone Elio si guarda una videocassetta dove si vedono due formiconi, un pezzo di m*rda e l'equazione C=G....come si chiama il presidente della Regione Lombardia?...ecco appunto! ) parte dai bonghisti del parco, si allarga con satira sottile allo spinoso problema della cementificazione, citando il Bosco di Gioia - abbattuto per far posto alla nuova sede della provincia nonostante la raccolta delle 16000 firme delle quali si fece promotore proprio Rocco Tanica - fino ad arrivare all’ultima scoperta dell' Ecopass. L'album (22 tracce, cinque delle quali fanno parte di un unico brano) si presenta ricco di ospiti come mai prima d'ora. Claudio Bisio in La Lega dell'amore, dedicata a «un soggetto politico estraneo alle logiche della partitocrazia», la voce di Giorgia in Ignudi fra i nudisti (è difficile la vacanza di coppia...), quella di Antonella Ruggiero in Plafone (dedicata alla convivenza condominiale) e quella di Irene Grandi in Heavy Samba. Quindi Claudio Baglioni che interpreta due parti dell' Effetto Memoria, e Demo Morselli, il maestro per l'arrangiamento di Tristezza, «canzone in do minore che va per la maggiore», che celebra «le mille attrattive della tristezza, simbolo di mentalità vincente». Ed, infine, le voci recitanti di Carla Fracci e Paola Cortellesi (in Suicidio a Sorpresa). Chiude l'album Single, in omaggio a «Feiez» Paolo Panigada. Curioso, demenzialmente satirico e, come sempre, ottimamente suonato da un gruppo di veri musicisti. Ovviamente consigliatissimo.