\\ Home Page : Articolo : Stampa
Pensieri in libertą ... per Eli e per tutte le persone "speciali"..
Di DL4U (del 08/08/2010 @ 23:17:28, in Pensieri, riflessioni e sfoghi..., linkato 907 volte)
Cara Eli, ho letto il tuo post e come, puoi immaginare, mi sono ritrovato in tutte le parole che hai scritto. I pensieri che hai espresso, quella voglia di tornare indietro anche solo per un breve istante, sono le stesse che provo io : rivedere un volto, poter dire quelle parole mai dette, poter recuperare quel tempo passato, quell'età che il destino mi ha rubato e mai più dato indietro. Sai, forse te l'ho detto, in questo strano percorso che la vita mi ha riservato a volte mi accorgo di aver saltato qualche fase della vita, forse quella più piacevole e spensierata, per essere ribaltato d'improvviso nel mondo "dei grandi". Dalla sera alla mattina, un giorno ti svegli e capisci che tutto non sarà più come prima, non lo potrà mai più essere. Bisogna crescere in fretta: non c'è più tempo per giocare, c'è da pensare alle cose importanti anche se hai poco meno di 14 anni, anche se quelle cose a malapena le comprendi.In questi casi è fondamentale il sostegno di chi davvero ti vuole bene, di chi condivide con te gli stessi sentimenti, le stesse situazioni. Da ciò la forza per superare il dolore, per convivere con il ricordo, per conservare la memoria. E' dura, ma è necessario riuscirci, anche se attorno il mondo non se ne accorge, anche se lui va avanti frenetico e scanzonato come sempre... vai poi a spiegare loro quello che provi tu dentro, quello che senti, quello che ti manca, ciò che davvero vorresti....  vai a spiegar loro che cerchi di rendere la tua vita il più possibile normale, ma spesso è difficile, a volte impossibile... perchè in fondo troppo normale questa vita non lo è. Sai, una volta, una cara amica che come noi ha passato esperienze e momenti difficili, mi ha fatto notare che certe persone hanno negli occhi un velo di malinconia anche se nel momento in cui le osservi sono felici e spensierate... sono  un po' le "cicatrici" che portiamo dentro e che testimoniano sempre il nostro passato ... sono segni distintivi, sono segnali che ci contraddistinguono, che ci rendono un po' diversi dagli altri,  apparentemente "strani" , sicuramente più riflessivi, forse un po' più forti. Più forti perchè sappiamo ciò che abbiamo passato, perchè conserviamo nel nostro cuore quel ricordo mai sopito e con questo con forza conviviamo ogni giorno cercando di migliorarci ogni giorno.  Sappiamo quali sono i veri valori, le cose davvero importanti della vita e .... ci girano fortemente quando incroci qualcuno che vive di cose fatue, frivole... che non dimostra la nostra stessa sensibiiltà. Non è vero? ... A noi non servono troppe parole per esprimere ciò che abbiamo dentro, ci basta un'occhiata, un gesto... facciamo un po' fatica ad aprire il nostro cuore (anche perchè qualche volta quando l'abbiamo fatto ci hanno tirato il classico bidone...), ma quando siamo di fronte a chi è un po' come noi non sappiamo tirarci indietro mai, leali ed onesti. A volte ci dicono musoni, ma se lo siamo è sempre e solo per una ragione precisa...  ci farebbe piacere se le persone che ci stanno intorno (specie quelle a cui tieni davvero)  sapessero leggerci negli occhi, in quelle cicatrici o in quei lampi di gioia mista a desiderio.... purtroppo non è sempre così e allora torniamo a sentirci "un po' così" .. diversi e strani, forse unici.  E così torniamo a ricercare .... perchè questo e il nostro segreto e siamo in costante ricerca di qualcuno che sappia spontaneamente capirlo... come diceva il nostro piccolo amico: "Voici mon secret. Il est très simple: on ne voit bien qu'avec le cœur. L'essentiel est invisible pour les yeux."  Eli, forza, conserva sempre ne tuo cuore il ricordo, la memoria dei momenti di gioia e di spensieratezza, nella certezza che la vita tornerà a riservarcene altre; quando? Non so, magari frammezzate da altri giorni di lacrime, ma torneranno certamente, l'importante  è non smetteremo mai di ricercare la felicità, di donare un sorriso, di offrire una mano generosa ... forti dei nostri ricordi, condotti per mano dai nostri "speciali custodi" che, da qualche parte, costantemente vegliano su di noi.

Un bacio. A presto