\\ Home Page : Articolo : Stampa
Un anno e tre mesi
Di DL4U (del 31/07/2008 @ 22:14:27, in Appunti, linkato 539 volte)
Rileggendo un post sul blog di Pierluigi & soci (www.gattodimarmo.com) ho realizzato che anche per mio blogghettino da quattro soldi è passato del tempo dalla sua pubblicazione. Per l'esattezza un anno e tre mesi (era l'aprile 2007 quando scaricai per la prima volta il motore di DBlog, ne feci l'upload sul mio dominio e scrissi il primo post sul blog): onestamente non pensavo che quell'idea potesse andare al di là di un semplice esperimento e in qualche modo potesse avere un seguito. Invece a distanza di tempo mi devo ricredere, con una certa soddisfazione. Per carità quando ho pensato alla creazione di un blog personale non avevo alcuna ambizione o idea specifica, semplicemente volevo tentare di realizzare quanto dichiaro nell'introduzione: semplicemente un mio spazio personale e privato dove raccogliere idee, sensazioni, appunti e immagini di quanto giorno per giorno mi accade o di quanto quotidianamente mi fa riflettere e divertire. Senza un preciso filone logico, senza alcuna finalità... solo guidato dall' istinto o dalle sensazioni, in totale libertà. Devo dire che questo "esperimento" ha avuto, tutto sommato, un suo risultato concreto a livello personale e un buon riscontro in chi ha avuto la pazienza di leggere le stupidate che quotidianamente propino da queste pagine. E, con una piccola punta di orgoglio, posso dire di avere aperto la strada a un piccolo gruppo di rampanti ed entusiasti "bloggers" che nei mesi successivi hanno preso spunto per creare un proprio spazio personale. Mai avrei pensato che qualcuno si prendesse la briga di commentare i miei post, ricordo ancora una certa "reticenza" dei primi mesi, ma adesso vedo una certa vivacità nelle risposte e nei commenti che rendono questo blog, come ogni altro, più vivo e se possibile più interessante. Un grazie di cuore ai commentatori e colleghi "Dbloggers" affezionati, un ringraziamento altrettanto sentito ai commentatori saltuari che, comunque, ogni qualvolta mi lasciano una testimonianza del loro passaggio mi procurano una piacevole sorpresa. A sensazione ritengo che ci siano  ancora lettori che di tanto in tanto si soffermano su queste pagine, senza commentarle; in totale libertà vi invito a partecipare: spunti, idee, pareri sono sempre molto graditi.  Un grazie speciale lo dedico al Fede che invece ha avuto (e se vorrà, anche in futuro, avrà sempre) anche parte attiva su queste pagine. Mantenere in vita un blog non è una cosa impossibile, ma nemmeno una cosa totalmente facile: comunque un minimo di testa e di tempo serve, ma devo dire che mi fa piacere ritagliare un po' di spazio tra i mille casini di ogni giorno alla scrittura di qualche pensiero. Un po' perchè mi tiene in allenamento nella parola scritta, un po' per l'innegabile effetto "terapeutico" che ha il periodico soffermarsi a riflettere e raccogliere le idee dedicando implicitamente un po' di tempo a sè stessi: cosa sempre difficile da fare quando si è costretti nella morsa degli impegni e delle preoccupazioni del lavoro e della famiglia. Guardandomi alle spalle e pensando al futuro, lo ritengo sempre di più un valido supporto al progetto di cambiamento graduale ed inesorabile che mi sono imposto di attuare dalla fine dello scorso anno: moltissimo c'è da fare ancora, ma qualcosa di buono sicuramente ho combinato, qualche esperienza importante l'ho messa da parte facendone tesoro, sicuramente mi accorgo di non essere   (e di non volere essere) più lo stesso: non so dire se in meglio o in peggio, ma comunque con le unghie e con i denti sto cercando di migliorarmi sempre. Anche attraverso le pagine di un banale blog. E' questo per me al momento è fondamentale, direi vitale. Devo raggiungere gli obiettivi che mi son prefissato senza perdere troppo tempo, è difficile, ma devo farlo.